Il territorio digitale, patrimonio culturale: le nuove prospettive della comunicazione, dello sviluppo locale e dell’inclusione

MeteoWeb

I beni culturali, materiali e immateriali, paesaggistici e ambientali intersecano e beneficiano oggi delle tecnologie digitali impiegate sempre più spesso per archiviare dati, creare legami e rapporti tra comunità, mettere in forma e restituire in modo sempre più efficace e interattivo contenuti, immagini, testimonianze, storie dei luoghi e delle comunità. Quella digitale diviene così la via maestra per la presa di coscienza e la partecipazione attiva ai processi di patrimonializzazione e uno strumento fondamentale nelle educazione ai patrimoni nella scuola.

Di questi temi la rete DiCultHer si occupa a livello nazionale in un progetto di Convegno a rete con diverse Università Italiane da Milano fino a Bari e con una rete capillare di scuole nelle quali sollecita e sperimenta progetti di concreta e creativa applicazione delle tecnologie digitali ai processi formativi e alla mappatura e restituzione dei patrimoni culturali locali.

In Molise Unimol ha raccolto con entusiasmo la sfida di questo progetto e lo ha fatto organizzando un momento di confronto ampio e ricco di competenze diverse, di responsabili delle strutture ministeriali dedicate, di colleghi di altre Università impegnate in analoghi percorsi di approfondimento e operatori del settore che forniranno un puntuale squarcio sulle potenzialità offerte da questo taglio digitale sui patrimoni. E’ l’occasione non solo di un confronto tra studiosi, insegnanti, funzionari, decisori politici, responsabili di strutture ministeriali sul tema, ma anche un momento di apertura e incontro tra esperienze locali e scenari nazionali e sovranazionali di valorizzazione e comunicazione. Scriveva molti anni fa un importante uomo di cultura di origine molisana, Alberto Mario Cirese, che per fare ricerca si dovevano avere i piedi ben piantati a terra e la testa nel mondo.

“Il territorio digitale” (15 – 16 Novembre 2017, Aula ‘E. Fermi’ Biblioteca di Ateneo Università degli Studi del Molise, Via F. De Santis Campobasso) rappresenta il tentativo di dare forma e strumenti a questo modo di attraversare i processi patrimoniali e camminare nel nostro tempo.