Previsioni Meteo, il bollettino dell’Aeronautica Militare: fronte freddo in arrivo, crollo delle temperature

MeteoWeb

Le previsioni meteo per la giornata di oggi e domani fornite dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare. Situazione: la perturbazione che sta valicando il settore alpino si muovera’ velocemente verso sud, si dimostrera’ piu’ attiva sulle regioni centro-meridionali adriatiche e sara’ accompagnata da una decisa ventilazione settentrionale che determinera’ un generale calo delle temperature. Tempo previsto fino alle 24 di oggiNord: nuvolosita’ irregolare su Valle d’Aosta e restante settore alpino fino al Veneto incluso, con locali precipitazioni sulle aree piu’ settentrionali, nevose inizialmente a quote oltre 2000/2200 metri ma con quota neve in calo fino intorno 1700 metri tra pomeriggio e sera; molte nubi con isolate precipitazioni su Liguria e Friuli-Venezia Giulia, in miglioramento gia’ durante la mattina con schiarite sempre piu’ ampie; pressoche’ sereno sul resto del nord salvo nubi piu’ significative ed estese che potranno dar luogo, durante la mattina e nel pomeriggio, a piogge e rovesci sparsi sull’Emilia-Romagna e solo isolati su Veneto e Lombardia meridionale, con cielo nuovamente sereno o poco nuvoloso in serata. Locali foschie anche dense al primo mattino sulle aree pianeggianti. Centro e Sardegna: poche nubi inizialmente su Marche e Abruzzo ma in rapido aumento, con prime piogge o temporali durante la mattina sulle Marche settentrionali ma in estensione a tutte le regioni e in intensificazione nel pomeriggio, con fenomeni sparsi e anche intensi che persisteranno anche in serata sull’Abruzzo mentre il tempo migliorera’ rapidamente da nord sulle Marche; nuvolosita’ irregolare sul resto del centro con locali precipitazioni al primo mattino sulle regioni peninsulari e che durante la mattina e nel pomeriggio interesseranno piu’ direttamente, in maniera isolata, l’Umbria e le aree interne e appenniniche di Toscana e Lazio, mentre schiarite anche ampie si faranno strada dal primo pomeriggio sulla Sardegna e si estenderanno abbastanza velocemente a Toscana, Umbria e Lazio da ovest, con residui fenomeni in serata solo sulle aree appenniniche laziali esposte a est. Sud e Sicilia: nuvolosita’ irregolare su Campania e settori tirrenici di Basilicata, Calabria e Sicilia con deboli precipitazioni associate che diventeranno piu’ frequenti, e anche di moderata intensita’, in serata sulla Campania; poche nubi inizialmente sul resto del sud, ma in peggioramento nel pomeriggio con precipitazioni sparse, anche temporalesche e di forte intensita’ su Molise e Puglia settentrionale, in estensione serale anche alla Puglia centrale e alla Basilicata orientale. Temperature: minime in calo su tutto il settore alpino, stazionarie sul resto del territorio; massime stazionarie su Puglia centro-meridionale, Toscana e pianure lombarde e piemontesi, in aumento su Liguria, Sicilia e settori jonici di Basilicata e Calabria, in generale diminuzione sul resto d’Italia anche marcata su Sardegna, Marche, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e restante settore alpino/prealpino. Venti: moderati da nord-ovest sulla Sardegna, in intensificazione fino a burrasca/burrasca forte specie sul settore settentrionale e occidentale; deboli occidentali sulla Sicilia in rapida intensificazione da ovest; deboli o localmente moderati, mediamente occidentali, su Liguria, Emilia-Romagna e centro-sud peninsulare, tendenti a moderati settentrionali gia’ durante la mattinata a partire da nord, con ulteriori rinforzi sulle coste adriatiche emiliano-romagnole che si estenderanno tra pomeriggio e sera anche alla Liguria e alle restanti regioni adriatiche centro-meridionali; deboli o moderati settentrionali sul resto del nord, con ulteriori rinforzi sulle coste adriatiche e sulle zone alpine fino alle pianure di Lombardia e Piemonte. Mari: agitato il mare di Sardegna con moto ondoso in aumento fino a grosso; molto mossi mar Ligure, canale di Sardegna, Stretto di Sicilia e settore ovest del Tirreno centro-meridionale, con moto ondoso in aumento fino molto agitato su canale di Sardegna e settore nord dello Stretto di Sicilia e fino ad agitato il mar Ligure sul settore sud; da poco mossi a localmente mossi Adriatico e Jonio settentrionale e mossi i restanti mari, tutti con moto ondoso in aumento.

Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domaniNord: prevalenza di cielo sereno a parte annuvolamenti compatti sulle zone alpine del Triveneto e locali velature su Piemonte e Lombardia. Dal pomeriggio graduale estensione delle velature, che in serata interesseranno l’intero settore. Centro e Sardegna: al mattino nubi compatte associate a piogge o temporali sparsi su Marche meridionali e Abruzzo ma in deciso miglioramento dalla tarda mattinata-primo pomeriggio. Cielo sereno sul resto del centro ma con estese velature in arrivo verso sera su Toscana, Umbria e Marche. Sud e Sicilia: molte nubi con piogge o rovesci sparsi su Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia settentrionale e zone interne della Campania. Dal pomeriggio graduale attenuazione dei fenomeni ed iniziale diradamento della nuvolosita’, con in serata cielo poco nuvoloso su tutto il settore. Temperature: minime in marcato calo ovunque; massime in decisa diminuzione al centro peninsulare, al sud, sulla Sardegna orientale e in forma piu’ lieve su Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna e Lombardia meridionale; in aumento sul resto del Paese. Venti: di provenienza settentrionale; moderati al nord ma in attenuazione gia’ nel corso della mattinata e con tendenza a divenire deboli o localmente moderati sudoccidentali su Liguria e Appennino settentrionale; in prevalenza forti sul resto del territorio ma in graduale attenuazione al centro, su Sardegna, Sicilia e regioni tirreniche meridionali. Mari: al mattino da agitati a molto agitati il mare e canale di Sardegna e il Tirreno centrale, ma con moto ondoso in rapida attenuazione nell’arco della mattinata; agitati il Tirreno meridionale, lo Stretto di Sicilia, con tendenza a graduale attenuazione del moto ondoso; da molto mossi ad agitati l’Adriatico meridionale e lo Jonio, quest’ultimo tendente a divenire molto agitato dalla tarda mattinata; da mossi a molto mossi i restanti bacini, con tendenza a graduale attenuazione del moto ondoso.