Previsioni Meteo Toscana: sabato e domenica cielo sereno o poco nuvoloso

MeteoWeb

Di seguito le previsioni meteo per la Toscana fornite dal Lamma: oggi molto nuvoloso sulle province centro settentrionali con possibilità di locali piogge nella prima parte della giornata. Variabile sul resto della regione con ampie schiarite sul grossetano. Tendenza a generale miglioramento nel corso del pomeriggio. Venti: da sud sud-ovest, deboli nell’interno, fino a localmente moderati sull’Arcipelago a nord dell’Elba. Rotazione dei venti da nord est in serata. Mari: da poco mossi a mossi. Temperature: minime in deciso aumento, massime in calo, più marcato sulle aree settentrionali. Domani sereno o poco nuvoloso. Tendenza ad aumento delle nubi alte e stratiformi dal pomeriggio. Venti: deboli da nord-est, tendenti a disporsi da ovest, sud-ovest nel pomeriggio quando potranno risultare a tratti moderati sui rilievi appenninici. Mari: poco mossi o localmente mossi a nord dell’Elba. Temperature: minime in diminuzione, massime in lieve aumento sulle province settentrionali, in calo su quelle meridionali. Domenica 29: parzialmente nuvoloso o nuvoloso, ma con bassa probabilita’ di pioggia. Venti: occidentali deboli o moderati. Mari: mossi, fino a molto mossi a nord dell’Elba. Temperature: minime in lieve aumento, massime pressoche’ stazionarie su valori in linea con le medie stagionali. Lunedì 30: parzialmente nuvoloso con addensamenti piu’ consistenti sulle province meridionali e sui versanti orientali e settentrionali dell’Appennino. Venti: deboli o moderati di grecale con rinforzi sui crinali, allo sbocco delle valli e sulla costa. Mari: poco mossi sotto costa, mossi al largo. Temperature: minime in lieve aumento, massime in aumento di 1-2 gradi sulle province occidentali, pressoche’ stazionarie altrove. Martedì 31: sereno o poco nuvoloso. Venti: deboli da nord-est con residui rinforzi su costa, Arcipelago e allo sbocco delle valli. Mari: poco mossi sottocosta, localmente mossi al largo. Temperature: minime stazionarie o in lieve ulteriore aumento, massime in lieve calo, in particolare sui rilievi appenninici.