Vino: Lessini Durello premiato dalle guide di settore

MeteoWeb

Successo per il Lessini Durello, lo spumante di Verona e Vicenza, nella Guida Vini Buoni d’Italia 2018, edita da Touring Club. Il Durello, nato dalla Durella, vitigno autoctono da sempre coltivato sui Monti Lessini, conquista una Corona e tre Golden star.
I premiati sono:

Corona:
Lessini Durello Doc Spumante Riserva Brut 2012 – Fongaro Spumanti Metodo Cl. –

Golden Star:
Lessini Durello Doc Spumante Brut 2012 – Corte Moschina
Lessini Durello Doc Spumante Riserva Brut 2010 – Fongaro Spumanti Metodo Classico
Lessini Durello Doc Spumante Riserva Extra Brut 2006 – Giannitessari

A questi si aggiungono anche le “Corone del pubblico”, ovvero i vini votati dalle giurie di Wine lovers, giornalisti e blogger durante le finali di Buttrio, che sono

Lessini Durello Doc Spumante Brut 2012 – Corte Moschina
Lessini Durello Doc Spumante Riserva Brut 2010 – Fongaro Spumanti Metodo Classico
Lessini Durello Doc Spumante Riserva Brut 2012 – Fongaro Spumanti Metodo Classico
Lessini Durello Doc Spumante Riserva Extra Brut 2006 – Giannitessari

Il Durello ha brillato anche nella guida Slow Wine 2018 di Slow Food, da sempre attenta a chi produce con particolare attenzione alla sostenibilità dei processi produttivi. Qui sono due le aziende che sono state premiate:

Vini Slow:
Lessini Durello Metodo Classico Pas Dosé 2012 – Fongaro

Grande Vino
Lessini Durello Metodo Classico Extra Brut 60 mesi Ris. 2010 – Giannitessari

Infine, nella guida Vinetia, edita da AIS Veneto, hanno ottenuto il “Rialto” le aziende:

Fongaro
Giannitessari

«E’ indubbio che questi risultati ci regalano orgoglio e soddisfazione – sottolinea Alberto Marchisio, presidente del Consorzio di Tutela Vini Lessini Durello – specie quest’anno che ci apprestiamo a celebrare i primi trent’anni di denominazione a Durello&Friends il prossimo novembre. Il Durello oggi ha tutte le carte in regola per poter competere con gli altri grandi spumanti nazionali ed internazionali, forte però della sua marcata unicità che lo rende unico e inconfondibile».