Ambiente, Grande barriera australiana: ricercatori riescono a trapiantare il corallo

MeteoWeb

I ricercatori dell’Università australiana Southern Cross, che hanno pubblicato il loro studio oggi, sono riusciti a coltivare il corallo della Grande barriera dell’Australia e a trapiantarlo in un’altra zona: hanno raccolto a fine 2016 ovuli e sperma di coralli a Heron Island, al largo della costa orientale ed hanno così prodotto quantità massicce di larve che hanno in seguito trapiantato in delle zone danneggiate della Grande barriera, che è minacciata dal riscaldamento globale. Otto mesi dopo si è rilevato che il corallo era sopravvissuto e cresciuto. “Il successo di questa nuova ricerca non si applica solo alla Grande barriera ma ha potenzialmente una pertinenza internazionale“, ha spiegato Peter Harrison, a capo delle ricerche. “Si possono ripristinare popolazioni coralline danneggiate, in luoghi in cui la produzione naturale di larve è stata compromessa“.