Clima, Papa Francesco: basta negazionismi sul riscaldamento globale

MeteoWeb

Dovremmo evitare di cadere in questi quattro atteggiamenti perversi, che certo non aiutano alla ricerca onesta e al dialogo sincero e produttivo sulla costruzione del futuro del nostro pianeta: negazione, indifferenza, rassegnazione e fiducia in soluzioni inadeguate“: lo ha dichiarato papa Francesco nel messaggio inviato a Frank Bainimarama, premier delle Fiji, presidente della 23ª Sessione della Conferenza COP23 in corso a Bonn. “In questi giorni siete riuniti per portare avanti un’altra fase importante dell’Accordo di Parigi: il processo di definizione e costruzione di linee guida, regole e meccanismi istituzionali affinche’ esso sia realmente efficace e in grado di contribuire al conseguimento degli obiettivi complessi che si propone. In un siffatto percorso e’ necessario mantenere alta la volonta’ di collaborazione“.

Desidero ribadire il mio ‘invito urgente a rinnovare il dialogo sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta. Abbiamo bisogno di un confronto che ci unisca tutti, perche’ la sfida ambientale che viviamo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti.”

Appare sempre piu’ necessario prestare attenzione all’educazione e agli stili di vita improntati a un’ecologia integrale, capace di assumere una visione di ricerca onesta e di dialogo aperto dove si intrecciano tra di loro le varie dimensioni dell’Accordo di Parigi“.