La ketamina ha anche effetti antidepressivi, ma una strana curiosità emerge dagli esperimenti condotti sui topi

MeteoWeb

La ketamina, un farmaco usato per iniziare e mantenere l’anestesia, è anche comunemente usato come droga ricreativa. Ma una ricerca ha dimostrato che il farmaco ha anche proprietà antidepressive nei topi, e lo stesso potrebbe valere per gli essere umani.

Un nuovo studio sugli effetti della ketamina come antidepressivo nei topi ha scoperto che il farmaco era efficace, ma solo se somministrato da ricercatori di sesso maschile. I ricercatori che hanno condotto questo studio non sanno spiegarsi il perché, ma sospettano che l’effetto antidepressivo sia dovuto ad un’interazione tra la ketamina e l’odore maschile nel cervello del topo.

Secondo il Nature News and Comment, a Polymnia Georgiou, una neuroscienziata dell’Università del Maryland a Baltimora, è stato chiesto da un collega maschio di condurre alcuni esperimenti per lui durante la sua assenza. Gli esperimenti includevano un metodo per testare gli antidepressivi, chiamato test del “nuoto forzato”. Per questo test i ricercatori iniettano il farmaco da testare in topi sani, quindi li posizionano in una vasca d’acqua e misurano per quanto tempo nuotano prima di arrendersi e aspettare che qualcuno li salvi.

Gli antidepressivi possono far nuotare i topi più a lungo, e questo valeva per il collega maschio di Georgiou durante i suoi esperimenti in cui utilizzava la ketamina sui topi. Tuttavia, quando Georgiou ha condotto lo stesso identico esperimento, ha scoperto che i topi trattati con la ketamina non nuotavano più a lungo rispetto ai topi che non avevano ricevuto la ketamina ma un placebo. Quando Georgiou, insieme a tre ricercatrici e quattro ricercatori ha analizzato questo, ha scoperto che la ketamina agiva come antidepressivo solo nei topi in cui era stata somministrata da uomini.

roditoreHanno pensato che potrebbe essere coinvolto l’odore, così i ricercatori hanno messo i topi dentro una cappa aspirante in modo che non potessero sentire l’odore dei ricercatori. Ma questo interrompeva del tutto l’effetto della ketamina, indipendentemente dal genere del ricercatore che la somministrava. Quando i ricercatori hanno messo una maglietta indossata da un uomo all’interno della cappa aspirante, i topi iniettati di ketamina nuotavano più a lungo, indicando che l’odore degli uomini interagisce con la ketamina nel cervello del topo. I ricercatori della Yale University hanno osservato lo stesso effetto quando hanno ripetuto lo stesso esperimento, cioè i topi iniettati di ketamina dalle donne non rispondevano al farmaco.

Quando Georgiou e il resto del team di ricercatori dell’Università del Maryland hanno ripetuto l’esperimento con altri antidepressivi, il sesso del ricercatore non aveva effetto. Mentre i ricercatori dell’Università del Maryland credono che l’odore maschile interagisca con la ketamina nel cervello del topo, altri ricercatori non condividono questa idea.

Per esempio, Lisa Monteggia, ricercatrice dell’Università del Texas Sudoccidentale di Dallas, ha detto al Nature News and Comment che altri documenti di ricerca con sperimentatrici dimostrano gli effetti degli antidepressivi, inclusa la ketamina, nei topi. Monteggia aggiunge che altri fattori possono influenzare il comportamento degli animali, come il fatto che i ricercatori siano stressati o meno quando iniettano i topi.

Il team dell’Università del Maryland afferma che la loro ricerca non invalida gli studi precedenti, ma mostra semplicemente che l’esperimento con la ketamina nel loro laboratorio funziona solo quando sono gli uomini a iniettare i topi. Quindi, sostengono che gli studi investigativi sugli effetti dei farmaci sui topi dovrebbero includere il sesso dei ricercatori nello studio.