Tisana alla salvia: proprietà benefiche e ricetta per prepararla

MeteoWeb

Ricca di virtù tanto da essere soprannominata nel Medioevo “salvia che salva”, la salvia è una pianta ritenuta dalla credenza popolare addirittura magica, tanto da essere impiegata per l’effettuazione di riti magici. Per preparare un’ottima tisana alla salvia, da bere al mattino, per stimolare e risvegliare il vostro organismo, occorrono: 15 gr di salvia fresca o secca, sia foglie che fiori ed 1 litro d’acqua. Il procedimento è semplicissimo. Fate bollire 1 litro d’acqua e lasciatevi in infusione fiori e foglie di salvia ben sciacquati e puliti sotto l’acqua corrente. Fate infondere la salvia per circa 3 minuti e aggiungete a piacimento del succo di limone. Potete addolcire l’infuso alla salvia, che potrebbe risultare per alcuni un po’ amaro, con un po’ di stevia o un cucchiaino di miele.

Se preparate la tisana alla salvia solo per voi, conservate quella avanzata in un contenitore di vetro, oppure di plastica, ma solo quando sarà ben raffreddata. Ottima sia calda che fredda, la tisana alla salvia può essere conservata in frigorifero per 3 o 4 giorni. Tante le sue proprietà benefiche. Benefica per il cervello, migliora la memoria, aiuta a digerire, è un toccasana nei casi di reflusso gastroesofageo, contrasta le malattie respiratorie, è indicata contro asma e influenza.

Inoltre combatte la stitichezza, favorisce il transito intestinale, attenua la ritenzione idrica, elimina la pesantezza di gambe e caviglie. La salvia rinforza il sistema immunitario, riduce i dolori muscolari, combatte la stanchezza, l’insonnia e il diabete (riducendo la glicemia). Antisettica e astringente, la salvia è ideale contro afte, gengiviti, infiammazioni del cavo orale, faringiti, oltre che come sbiancante per denti e per ridurre la traspirazione corporea.