I trucchi per alzarsi dal letto: ecco come svegliarsi presto la mattina

MeteoWeb

Tutti, prima o poi, lo abbiamo fatto: tanti buoni propositi per alzarsi dal letto prima, si tenta di andare a dormire in anticipo, nella speranza di riuscire il mattino dopo a svegliarsi presto più agevolmente, senza necessità di posticipare la sveglia. Peccato che spesso non si riesca ad addormentarsi comunque presto, ed al mattino si vorrebbe rimanere tra le coperte sempre qualche minuto in più, sfasando i nostri programmi mattutini, che siamo poi costretti a svolgere di fretta.

Come fare ad alzarsi dal letto con tanta energia e riuscire a svegliarsi presto senza sforzo?

Come si cambia l’abitudine di “sonnecchiare”, come si impara a svegliarsi presto? Con la routine: un’organizzazione giornaliera e una notturna più dettagliata e preparatoria per il giorno dopo può far sì che quel risveglio non sia più “traumatico”, per iniziare la giornata con il giusto atteggiamento mentale.

Nel dettaglio, ecco alcuni consigli che possono essere d’aiuto:

  • La sveglia è importante: capita molto spesso che l’allarme suoni esattamente quando siamo nel bel mezzo della fase profonda del sonno. Tempismo eccezionale: come fare per evitarlo? Si può ad esempio fissare la sveglia sempre alla stessa ora (anche nei fine settimana). In questo modo l’orologio biologico si adatta automaticamente, evitando brutti risvegli. In alternativa si possono utilizzare sveglie intelligenti: si tratta di app che registrano i movimenti e fanno suonare l’allarme all’interno di una finestra temporale di 30 minuti, nel momento in cui il sonno è più leggero;
  • Posizionare la sveglia lontano: un buon metodo per costringersi ad alzarsi può essere quello di piazzare la sveglia, soprattutto se dotata di “Snooze”, dall’altra parte della stanza;
  • Melatonina: l’organismo la produce autonomamente ma se ne può prendere un supplemento per aiutarlo a riorientare il proprio orologio interno. Una piccola dose cinque o sei ore prima di andare a letto per pochi giorni potrebbe essere d’aiuto per addormentarsi e svegliarsi senza traumi.
  • La routine mattutina deve essere piacevole: svegliarsi al mattino con un pensiero piacevole, con un’ottima ragione per farlo, è un buon metodo motivazionale per alzarsi dal letto. Molti si affidano all’attività fisica regolare, che dà la soddisfazione di avere raggiunto un obiettivo già all’inizio della giornata. Se non siete grandi appassionati dello sforzo fisico di prima mattina, ci si può affidare a piccoli gesti, come leggere con in mano una tazza di caffè o tè. Si può fare yoga, o meditare. Insomma, è sufficiente una piccola coccola da autodedicarci;
  • Spegnete tutto: eliminate le distrazioni, limitate le ore trascorse di fronte a ogni tipo di schermo nelle ore prima di andare a letto;
  • La luce non serve la sera, ma al mattino: una fonte di luce nei momenti immediatamente successivi al risveglio aiuta il risveglio dell’orologio biologico. In mancanza di luce naturale, anche una piccola luce artificiale può aiutare;
  • L’importanza dell’acqua: la prima cosa da fare appena svegli è bere, in quanto siamo disidratati per non avere bevuto per l’intera notte. Un ottimo modo per iniziare la giornata è berla tiepida, alla temperatura del nostro corpo, magari con un po’ di limone per alzare il livello di energia;
  • Sveglia il corpo: riattivare la circolazione appena svegli può dare una generale sensazione di benessere. Piccoli esercizi e stretching, o lo yoga, sono un toccasana;
  • Ripensate il planning delle mattine: un ottimo trucco è preparare ciò che farete la mattina dalla sera precedente. Magari preparare il necessario per la colazione, preparare i vestiti evitando il giorno dopo di vagare senza meta nell’armadio col cervello ancora annebbiato;
  • Dormire il giusto numero di ore di sonno: per una buona routine e per la salute generale è essenziale dormire le canoniche otto ore, senza mai scendere sotto le cinque/sei e senza eccedere oltre le nove/dieci.
  • Il ruolo dello stomaco: evitare la sera prima di sovraccaricarlo con cibi e bevande pesanti o complesse (alcolici, fritto ad esempio). Evitare assolutamente gli spuntini notturni ed evitare di bere subito prima di coricarsi, o ci si potrebbe svegliare nel cuore della notte per andare in bagno;
  • Il consiglio per eccellenza: alzarsi e non pensarci neanche un secondo. Non è d’aiuto, da nessun punto di vista, ritardare la sveglia, utilizzare il bottone “Snooze”, pensare “qualche minutino in più e basta“. Non indugiate, o la giornata inizierà senza quella spinta necessaria per svolgere le mille attività quotidiane che ci attendono.