Ambiente, Istat: in Italia 2.596 siti nella Rete Natura 2000

MeteoWeb

L’edizione 2017 dell’Annuario statistico italiano dell’Istat ha rilevato che nel 2016 in Italia le aree protette terrestri considerate nella Rete Natura 2000 coprono il 19,3% della superficie nazionale (circa 58mila chilometri quadrati), valore superiore a quello medio comunitario (18,4%) e che colloca il nostro Paese al tredicesimo posto tra quelli più virtuosi dell’Ue 28. A queste si aggiungono le aree marine protette: il 3,8% della superficie delle acque territoriali definite dal ministero dell’Ambiente, pari a 5.825 chilometri quadrati. Il numero di siti totali della Rete è di 2.596 con un’estensione media (terrestre e marina) per sito di circa 24,7 chilometri quadrati. La Slovenia è il Paese con la quota più elevata di territorio compreso nei siti di Natura 2000 (37,9% sulla superficie nazionale), seguita dalla Croazia e dalla Bulgaria con rispettivamente il 36,6 e 34,5%. La Danimarca e il Regno Unito presentano invece quote molto contenute di territorio sottoposto a tutela, rispettivamente 8,3 e 8,6%.

La Rete Natura 2000, promossa dall’Unione Europea per la conservazione della biodiversità, è diffusa su tutto il territorio dell’Unione, istituita ai sensi della Direttiva 92/43/Cee ”Habitat”, per garantire il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciati o rari a livello comunitario.

In Italia, la Sicilia e la Sardegna presentano il valore regionale più alto di superficie terrestre della Rete Natura 2000: oltre 4.500 chilometri quadrati per ciascuna regione.