Pesca: lanciato il progetto “Fishery Improvement Project” nell’Oceano Atlantico Orientale

MeteoWeb

È stato ufficialmente lanciato il progetto di miglioramento della pesca del tonno (FIP – Fishery Improvement Project) nell’Oceano Atlantico Orientale, con la firma di un accordo FIP e attraverso l’approvazione di un piano d’azione tra 17 organizzazioni. Il FIP lavorerà per soddisfare gli standard di sostenibilità della pesca stabiliti dal Marine Stewardship Council (MSC).

Gli standard di pesca MSC (MSC Fisheries Standard) riflettono le migliori pratiche internazionali nella gestione della pesca e si basano sulle linee guida per l’alimentazione e l’agricoltura dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (UN FAO), note come “Codice di condotta per una pesca responsabile” ed emanate dalla FAO. Per soddisfare questo criterio, la pesca deve essere gestita in modo tale che gli stock ittici rimangano sani e gli impatti sull’ambiente siano ridotti. Raggiungere questo standard fornirebbe quindi una conferma attendibile della sostenibilità della pesca del tonno con reti a circuizione nell’Atlantico Orientale.

L’obiettivo del FIP è quello di ottenere miglioramenti misurabili e verificabili nell’ambito della pesca del tonno con reti a circuizione nell’Oceano Atlantico Orientale. Questi miglioramenti, che saranno attuati per un periodo di cinque anni, renderanno l’attività di pesca pienamente conforme agli standard di MSC. Saranno necessari una forte cooperazione, tutte le risorse e gli sforzi dei partecipanti al progetto al fine di ottenere concreti miglioramenti nella gestione dell’attività di pesca. Il FIP si adopererà per sostenere lo sviluppo di solide strategie per la pesca del tonno, per assicurare che le misure di gestione adoperate riescano a mantenere le specie target e le specie secondarie al di sopra dei limiti biologici e per fornire un quadro complessivo per gestire gli impatti sull’ecosistema associati alla pesca con reti a circuizione.

Il lancio ufficiale del FIP per la pesca del tonno con reti a circuizione nell’Oceano Atlantico Orientale è un’altra pietra miliare verso il raggiungimento del commitment globale di Thai Union. Thai Union continuerà ad essere un partner chiave dei FIP nell’Oceano Atlantico Orientale, nell’Oceano Indiano e dei FIP brasiliani annunciati fino ad oggi nel corso dell’anno, pianificando allo stesso tempo di prendere parte a molti altri FIP mentre lavora per ottenere l’obiettivo del 2020. L’Oceano Atlantico Orientale è una risorsa chiave per la catena di approvvigionamento di tonno Thai Union in Europa e ci impegniamo a sostenere la pesca muovendoci verso la certificazione MSC“, ha dichiarato Sylvain Cuperlier, Direttore del Gruppo RSI e sostenibilità, Thai Union Europe.
Il FIP si concentrerà sul miglioramento della salute degli stock ittici minimizzando l’impatto sull’ecosistema e sull’implementazione di strategie efficaci per la gestione della pesca. Il FIP riguarderà le catture di tonnetto striato (skipjack), pinna gialla (yellowfin) e tonno obeso (big eye) provenienti da pescherecci con reti a circuizione. Il FIP sosterrà inoltre il piano di recupero delle due grandi specie di tonno commerciale della regione, il tonno pinna gialla e il tonno obeso, e assicurerà che le decisioni e le raccomandazioni della International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas (ICCAT) siano rispettate e osservate per quanto riguarda la gestione del tonnetto striato.