Ecco perché i dietologi sconsigliano il consumo di sushi

MeteoWeb

Il sushi è un piatto tipico della cucina giapponese a base di riso, pesce ed alghe. Il ripieno può essere crudo, cotto o marinato e può essere servito arrotolato in una striscia di alga, disposto in un letto di riso o inserito in una piccola tasca di tofu. Molte persone pensano che il sushi sia un piatto dietetico e salutare ma in realtà si tratta di alimento tutt’altro che buono. Infatti, numerosi dietologi stanno cercando di  mettere in guardia i tanti consumatori di sushi informandoli sugli effetti negativi che, questo alimento, avrebbe sul nostro organismo. L’ eccesso di sale e carboidrati,  la quantità ridotta di pesce, di alghe e di verdure sono i motivi per cui il sushi è sconsigliato dagli esperti. Inoltre le salse ed i formaggi che vengono associati nel sushi peggiorano ulteriormente le qualità nutrizionali di questo alimento.

Un pasto medio a base di sushi ha un apporto calorico pari a circa 1000 calorie, ecco perché può essere considerato un “junk food” o meglio un cibo malsano, esattamente come un hamburger. Ma quante calorie ha un sushi roll? gli esperti affermano che ogni  pezzo contiene dalle 290 alle 350 calorie, che equivalgono a due fette e mezzo di pane. Tra l’altro, il sushi non sazia facilmente, e induce a mangiarlo più del dovuto. Non può essere considerato un alimento dietetico per la nostra cucina, in quanto la presenza di pesce e di alghe è in quantità irrisoria.

Se proprio non si riesce a rinunciare a questo alimento, possiamo preferire, al posto del sushi, il sashimi, ossia un piatto a basa di pesce crudo freschissimo, senza l’aggiunta di riso. Evitate, però, l’uso di salsa di soia o le zuppe di miso, poiché sono molto ricche di sale.