Astrofisica: raggi cosmici, neutrini e raggi gamma potrebbero avere un’origine comune

MeteoWeb

Secondo una nuova teoria elaborata dalla Penn State e della Maryland University, pubblicata su Nature Physics, raggi cosmici, neutrini e raggi gamma potrebbero avere un’origine comune: alcune galassie hanno al centro un enorme buco nero e secondo lo studio la materia attorno a questo, prima di essere inghiottita, emette dei getti molto potenti che producono dei raggi cosmici. “Dalle sorgenti cosmiche noi riceviamo vari tipi di segnali, che chiamiamo ‘messaggeri cosmici’. Ne conosciamo quattro tipi: il primo sono i fotoni, cioe’ particelle di luce, il secondo sono i raggi cosmici, cioe’ quelle particelle che arrivano alla sommita’ della nostra atmosfera, con la quale interagiscono, e poi producono uno sciame che arriva fino a terra; il terzo sono i neutrini ad alta energia che arrivano dallo spazio cosmico; il quarto, scoperto di recente, sono le onde gravitazionali,” spiega Antonio Masiero, vicepresidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). “Nel loro cammino dalla sorgente questi raggi attraversano ammassi galattici e gas intergalattici, interagiscono con questa materia e producono neutrini e fotoni con alta energia, comparabile a quella dei raggi cosmici che li hanno prodotti. La nuova teoria ipotizza quindi un’origine comune di questi messaggeri cosmici, i fenomeni piu’ violenti del nostro universo“.