Previsioni Meteo, verso metà Gennaio all’insegna della normalità: l’inverno torna in rotta, seppur senza scossoni

MeteoWeb

Volge al termine la fase anomala di caldo fuori stagione e mediamente asciutta sul nostro Paese, salvo le piogge e le nevicate abbondanti al Nordovest. Le temperature, anche di 7/8° sopra la media di questi ultimi giorni, in particolare al Centro Sud, verranno rimpiazzate da valori repentinamente in calo e più consoni al periodo, a partire da mercoledì 10 Gennaio.

Le correnti instabili e più fredde nordatlantiche si faranno più incisive, con ingresso di fronti perturbati che, in una prima fase, per il prosieguo della settimana corrente, prediligeranno le are adriatiche e meridionali, a seguire, 15/20 Gennaio, nubi e precipitazioni più estese su tutta l’Italia.

Evoluzione, quindi, in due FASI ESSENZIALI.

Una prima rottura instabile a carattere più generale sul territorio nazionale è già in atto. Nubi e piogge più estese interessano in queste ore diverse aree del Nord, specie Nord Ovest, Alpi, Prealpi un po’ tutte e anche localmente le alte pianure. Neve abbondante sui settori Alpini, dai 1200 m mediamente.

Le nubi aumenteranno anche al Centro con piogge al pomeriggio di oggi e nubi con qualche pioggia anche sulle aree ioniche tra Calabria e Sicilia, in serata, sull’Ovest dell’Isola e verso Nord Campania.

Per domani, Mercoledì 10, piogge al Sud, locali al Nordovest e alto Tirreno, meglio altrove.

Intanto, da Mercoledì 10, la temperatura diminuirà su tutto il Paese, mediamente di 5/6° al Centro Sud, con valori che rientreranno in media ovunque, persistendo in media almeno per i prossimi 10 giorni. Da giovedì 11, andrà organizzandosi una moderata bassa pressione, dapprima sul Tirreno, con locali piogge sulle coste tirreniche e sulle due isole maggiori, poi bassa pressione in estensione al Centro Sud.

Per venerdì 12, nubi e piogge in particolare sul medio Adriatico e al Sud, poiché la posizione della bassa pressione favorirà l’insorgenza di una circolazione settentrionale, con venti da Nord Nordest e maggiore esposizione ai fenomeni dei nostri settori adriatici e meridionali. Possibili piogge anche forti, dapprima, giovedì, localmente su coste tirreniche poi, venerdì, sulla Calabria ionica e Sud Lucania. Fine settimana con piogge residue e più deboli al Sud e medio Adriatico, anche più localizzate. Più asciutto sul resto del Paese.

Dicevamo di un calo termico generale e di valori che rientreranno in media, ma non in misura tale da comportare neve a quote basse. Le nevicate, possibili anche in Appennino, sono attese dapprima, nelle prossime ore notturne e domani, a quote alte, oltre 1500 m, poi, per venerdì, a quote più basse, mediamente intorno ai 1000 m tra Marche e Abruzzo, occasionalmente verso 800/900 m. Neve a 1100/1200 m sul resto del Sud Appennino da Venerdì. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: