Fibrillazione atriale: cause, sintomi, diagnosi, cura e prevenzione

MeteoWeb

La fibrillazione atriale è l’aritmia cardiaca più diffusa al mondo e la sua prevalenza tende a crescere con l’età. Parliamo di un’alterazione profonda del ritmo cardiaco con origine nell’atrio. Quando si verifica, a dirla breve, il cuore tende ad avere un’intensità variabile, ad essere irregolare, con una rapida e aumentata frequenza delle contrazioni cardiache. Ne risulta compromessa la contrattività e il cuore non svolge più la sua attività di pompaggio dl sangue correttamente. La fibrillazione atriale può essere la conseguenza di problemi cardiaci (valvulopatie), malattie del muscolo cardiaco ( es. miocardite, cardiomiopatie), cardiopatia congenita, infarto miocardico, oppure ipertensione, malattie tiroidee, embolia polmonare, eccessiva assunzione di farmaci, abuso etilico, eccesso di fumo, ansia, oppure può subentrare dopo un intervento cardiochirurgico a causa di alterazioni degli elettroliti e dello stress subito dal cuore.

I sintomi sono variabili: palpitazioni, vertigini, sincope, dolore toracico, dispnea, ansietà, astenia (debolezza). La diagnosi si ha con visita cardiologica e con i seguenti esami: misurazione del polso, elettrocardiogramma, elettrocardiogramma dinamico secondo Holter, radiografia del torace, ecocardiografia. Le terapie possono comprendere: farmaci per il controllo della frequenza o del ritmo cardiaco, anticoagulanti, cardioversione, ablazione transcatetere, pacemaker e defibrillatori, ablazione chirurgica mini-invasiva o a cielo aperto.

La prevenzione: evitare l’obesità, il sovrappeso, l’abuso di alcol, il fumo, svolgendo un’attività fisica regolare, senza eccessi, monitorando la pressione arteriosa, curando l’ipertensione, la glicemia, il diabete, le apnee ostruttive nel sonno. Occorre, inoltre, ridurre gli stimolanti (caffè, tè, bevande a base di cola), effettuando controlli periodici e seguendo i consigli medici per diagnosticare in tempo in eventuale cado di fibrillazione atriale e stabilire quanto prima il trattamento