Astronomia: dall’Equinozio di Primavera alla “Luna Blu”, ecco cosa ci riserva Marzo 2018

MeteoWeb

Marzo è un mese tipicamente instabile a livello atmosferico: ciò potrebbe essere d’ostacolo per le osservazioni, ma ciò difficilmente ci impedirà di godere degli eventi astronomici principali (o appuntamenti connessi) del mese. Nel dettaglio, vediamo cosa ci attende nel cielo del terzo mese del 2018.

Partendo dalla nostra stella, ricordiamo che il Sole si trova nella costellazione dell’Acquario fino al 12, quando entra nella costellazione dei Pesci. Domenica 25 marzo entra in vigore l’ora legale: le lancette andranno spostate un’ora avanti, dalle ore 2 alle ore 3. L’orario verrà mantenuto fino al 28 ottobre 2018, quanto verrà ripristinata l’ora solare.

Il 20 marzo, alle ore 16:15 UTC, inizia ufficialmente la primavera astronomica con l’equinozio. Il Sole sorge e tramonta ad Est e ad Ovest, e si trova nel punto di intersezione tra equatore celeste ed eclittica. Il giorno e la notte hanno la stessa durata.

La Luna sarà Piena il 2, in fase di Ultimo Quarto il 9, Nuova il 17, in Primo Quarto il 24 ed infine nuovamente Piena il 31. Nel mese di marzo ci saranno quindi due pleniluni (il secondo è noto nel mondo anglosassone come “Blue Moon”, o “Luna Blu”). Il nostro satellite naturale l’11 si trova all’apogeo, nel punto più lontano dalla Terra lungo la sua orbita (404.681 km), mentre sarà al perigeo il 26 (369.103 km).

Per quel che riguarda l’osservabilità dei pianeti del Sistema Solare, Mercurio è visibile per gran parte del mese. Venere diventa sempre più alto sull’orizzonte occidentale poco dopo il tramonto del Sole. Marte è osservabile nella seconda parte della notte, assieme a Giove e Saturno, in particolare a sudest nelle ore che precedono l’alba. Giove alla fine del mese è visibile per tutta la seconda parte della notte inizialmente basso sull’orizzonte est, poi culmina a Sud prima dell’alba. Saturno si può scorgere prima del sorgere del Sole nelle ultime ore della notte a sud-sudest. Urano è osservabile (per mezzo di un telescopio) sull’orizzonte ovest. Nettuno è inosservabile.

Congiunzioni: Venere-Mercurio il 5; Luna-Giove il 7; Luna-Marte, il 10; Luna-Saturno l’11 ore 5; Luna-Venere-Mercurio il 18.

Nonostante marzo preannunci la primavera, in cielo sono ancora visibili le costellazioni invernali, spostante verso sudovest. A nord immancabile l’Orsa Maggiore, a nordovest brilla Cassiopea. Ad est possiamo ammirare la Vergine e il Leone, e spostando lo sguardo in direzione ovest troviamo Orione, il Toro, i Gemelli.

Concludiamo la lista di eventi astronomici con la Maratona Messier: l’atteso appuntamento degli astrofili. La “caccia” dei 110 oggetti del catalogo Messier si terrà il 17-18 marzo 2018.