Casa di montagna: il “fai da te” per evitare il congelamento dei tubi

MeteoWeb

Avere una casa di montagna dove rifugiarsi anche solo nei fine settimana è piacevole ma la manutenzione richiede qualche accorgimento, specialmente in inverno quando il gelo minaccia le tubature.

Secondo Desivero, la prima piattaforma multicanale di soluzioni e professionisti per la casa a portata di mano, bastano pochi accorgimenti “fai da te” per evitare di trovarsi senza acqua e riscaldamento in casa a causa del ghiaccio che ha bloccato le tubature.

  1. Chiudere la valvola dell’acqua e svuotare i tubi

Innanzitutto, ogni volta che si lascia la casa di montagna per tornare in città, è importante chiudere la valvola generale che si trova vicino al contatore e di svuotare i tubi dell’acqua. Con la chiusura della valvola generale si possono tranquillamente lasciare aperti tutti i rubinetti. Così, nel caso ci siano residui di acqua accumulata nei tubi, quest’ultima potrà scorrere dai rubinetti senza bloccarsi all’interno dei tubi in caso di gelate.

  1. Rivestire le tubature

Tutti i tubi esterni sono esposti alle gelate. Per questo è necessario rivestirli con specifici materiali isolanti. Ne esistono di vari tipi: in poliuretanto, in lana di roccia o lana di vetro. Questo isolamento riduce la possibilità che l’acqua geli ma non ne annulla completamente la possibilità.

  1. Utilizzare cavi scaldanti

Riscaldare i tubi attraverso specifici cavi rappresenta la soluzione più efficace per prevenire il gelo dell’acqua. Questi cavi, avvolti intorno alle tubazioni, garantiscono una perfetta protezione dal gelo ed evitano completamente i danni causati dalle basse temperature. Entrano in funzione automaticamente quando la temperatura sui tubi scende sotto i 5 gradi e, grazie al termostato interno, si disattivano quando la temperatura sale sopra i 15 gradi in modo da evitare sprechi di elettricità.

Se il danno è già successo, esiste qualche trucco fai da te per gestire le tubature bloccate e ripristinare il normale flusso dell’acqua nelle tubature.

  1. Aprire tutti i rubinetti

Innanzitutto, anche se l’acqua non scorre, bisogna aprire tutti i rubinetti. In questo modo l’acqua nell’impianto eviterà di gelare completamente e piano piano scioglierà il tappo di ghiaccio. Poi è importante individuare il punto in cui potrebbe essere gelata l’acqua, tenendo presente che è più facile che i tubi ghiaccino nelle zone più esposte e che le tubature di metallo sono più soggette alle gelate.

  1. Riscaldare i tubi

Una volta individuato il punto in cui le tubature sono ghiacciate, lo si può riscaldare con un asciugacapelli: ci vorrà un po’ di tempo ma questo metodo è indicato anche per tubi di polietilene, poiché non causa shock termici che potrebbero danneggiare i tubi.

  1. Versare acqua bollente

Per sciogliere il ghiaccio è consigliabile avvolgere la parte interessata del tubo con stracci molto assorbenti e versare dell’acqua bollente. Gli stracci serviranno a mantenere più a lungo il calore sui tubi. Questo metodo funziona solo con i tubi di metallo.

Se le tubature continuano a fare i capricci e proprio non ne vogliono sapere di riscaldarsi, non resta che rivolgersi a un idraulico professionista per ripristinare il normale flusso di acqua. Sul sito Desivero è possibile scegliere numerosi servizi di riparazione, manutenzione e installazione garantiti da un team di professionisti sicuro e professionale.

Sulla piattaforma si trovano inoltre i prodotti dei migliori brand dell’idrotermosanitario e dell’arredo bagno, le sezioni Desipromo con le promozioni speciali e Crea un progetto per creare il bagno dei desideri, oltre al magazine modod con tante idee e novità su design e arredo bagno.