Due vite a rischio per un’emorragia cerebrale: salvate mamma e bimba, “un parto eccezionale”

MeteoWeb

Due vite a rischio per un’emorragia cerebrale, due vite salvate grazie aun intervento eccezionale e tempestivo” eseguito nei mesi scorsi all’ospedale Bufalini di Cesena: lo rende noto oggi l’Ausl, raccontando “una storia commovente e a lieto fine“, un piccolo miracolo, che ha visto protagoniste una giovane ravennate all’ottavo mese di gravidanza e la sua piccola, venuta alla luce su un lettino operatorio del Reparto di Neurochirurgia, con un cesareo d’urgenza fatto pochi istanti prima di operare la madre fulminata da un aneurisma. “La paziente, incinta, era incosciente e in imminente pericolo di vita a causa di un’emorragia cerebrale causata da un aneurisma – spiega Luigino Tosatto, direttore dell’Unità operativa di Neurochirurgia del Bufalini – La situazione era grave. Occorreva operare d’urgenza per salvarle la vita, ma dovevamo anche cercare di fare il possibile per salvare la vita anche alla piccola che portava in grembo. Non c’era tempo da perdere“. “Abbiamo deciso di far nascere la piccola nella sala operatoria di Neurochirurgia con un taglio cesareo d’urgenza. Un parto eccezionale avvenuto all’ottavo mese di gravidanza grazie all’intervento simultaneo e tempestivo dei neurochirurghi, dell’équipe di Ostetricia e Ginecologia, degli anestesisti e dei neuroradiologi“.

Nata la figlia, sana, i medici hanno potuto concentrarsi sulla madre: il team di Tosatto ha effettuato “un delicato intervento chirurgico di asportazione dell’aneurisma cerebrale. Un caso piuttosto raro e complesso – spiega l’Ausl – tanto che la paziente è stata sottoposta a più procedure chirurgiche programmate, per ottenere l’eccellente risultato, di risoluzione completa della malattia“. Oggi mamma e figlia stanno bene. “La cosa più emozionante – concludono medici e infermieri del Bufalini – è stato veder nascere la piccola nella sala operatoria di Neurochirurgia, considerate le gravi condizioni in cui si trovava la madre“.