Stazione Spaziale cinese: ecco cosa fare nel caso in cui si trovasse un detrito di Tiangong-1

MeteoWeb

La stazione spaziale cinese fuori controllo sta procedendo attraverso l’orbita terrestre bassa e il suo rientro nell’atmosfera terrestre è previsto tra il 30 marzo e il 2 aprile. La maggior parte di Tiangong-1 probabilmente brucerà nell’atmosfera, ma qualche migliaio di frammenti caldi e lacerati potrebbe sopravvivere e atterrare sulla superficie del nostro pianeta.

Come già scritto in altri articoli di MeteoWeb, le probabilità di essere colpiti da uno di questi detriti sono bassissime, circa un milione di volte inferiori alla possibilità di vincere la lotteria. Al momento, l’area di potenziale impatto della stazione spaziale cinese copre circa un terzo del nostro pianeta e la stragrande maggioranza di questa zona è acqua.

Tiangong 1Tuttavia, se per una vera e propria coincidenza cosmica vi doveste imbattere in un pezzo di Tiangong-1 o in qualche detrito arrivato sulle spiagge, ci sono diversi motivi per non toccarli assolutamente.

Il primo sono i rischi per la salute. La stazione spaziale sta trasportando materiali pericolosi che non sono sicuri per il contatto umano, inclusi serbatoi di carburante con una sostanza nociva all’interno, l’idrazina. Inoltre, poiché questo veicolo si distruggerà nel processo di rientro, qualunque cosa dovesse sopravvivere e arrivare al suolo potrebbe avere bordi taglienti e appuntiti.

tiangong 1La seconda ragione per non toccare o prendere un detrito di Tiangong-1 è la marea di problemi legali in cui vi imbattereste. Robert Z. Pearlman, storico spaziale, ha dichiarato: “Secondo il Trattato sullo spazio extra-atmosferico del 1967, un veicolo spaziale di un Paese è di sua legale proprietà fino a che il Paese  stesso non dichiara il contrario. Indipendentemente da dove atterrerà – se sarà nell’oceano, sprofondando fino al fondale o nel suo stesso Paese o in qualche altro Paese – appartiene a quel Paese di origine”. Pearlman afferma che parte di questo quadro è per la nostra protezione, poiché rende la Cina legalmente responsabile di qualsiasi danno a persona o proprietà che la sua stazione spaziale fuori controllo potrebbe causare.

Tuttavia, questo significa anche che prendere un pezzo di Tiangong-1 equivale ad un furto di proprietà del governo. Che ci crediate o meno, alcune persone sono finite in galera per questo motivo. Ecco cosa ha aggiunto Pearlman: “In seguito all’esplosione dello Space Shuttle Challenger della NASA nel 1986, ci fu un uomo della Guardia Costiera che conservò un detrito per 25 anni. Era il cuoco a bordo della nave che lavorava alle indagini. Quando i suoi compagni di marina stavano aiutando nel recupero dei pezzi, lui decise di usare un secchio per raccogliere un detrito che galleggiava sull’acqua e di tenerlo per sé. Lo conservò per 25 anni e poi lo inserì su eBay come “l’ultimo regalo di Natale”.

tiangong 1Quando la NASA ne venne a conoscenza, l’uomo fu arrestato. Fu dichiarato colpevole di furto di proprietà del governo e condannato a due anni di libertà condizionata. Se la cavò bene: avrebbe potuto ricevere un’ammenda da 10.000 dollari, 10 anni di prigione o una combinazione dei due.

I detriti spaziali possono diventare un “souvenir” legalmente legittimo una volta che il governo di origine conclude ufficialmente le sue indagini. Fino a quel momento, se doveste trovarne uno, “la miglior cosa da fare è contattare le autorità locali. Loro contatteranno le autorità federali e provvederanno al recupero e alla restituzione al governo cinese”, conclude Pearlman.