Diabete di tipo 2: un test del sangue può predire il rischio futuro di malattie cardiovascolari

MeteoWeb

I meccanismi che collegano le malattie cardiache al diabete di tipo 2 non sono completamente compresi. Un nuovo studio dei ricercatori del Brigham and Women’s Hospital può contribuire a fare luce su un percorso molecolare che le malattie cardiache e il diabete di tipo 2 condividono e indica un biomarcatore che è elevato nelle donne a rischio di malattie cardiovascolari e diabete.

La Dott.ssa Samia Mora, autrice dello studio, ha dichiarato: “Abbiamo esaminato oltre 27.000 donne e abbiamo scoperto che una singola misurazione di aminoacidi a catena ramificata (BCAA) nel sangue – un test che ora può essere fatto con facilità – prevedeva il rischio futuro di eventi cardiovascolari al pari e indipendentemente dal colesterolo LDL e da altri fattori di rischio. Questo vale particolarmente per le donne che sviluppavano il diabete di tipo 2 prima delle malattie cardiovascolari”.

diabeteSi ritiene che i BCAA svolgano un ruolo fondamentale nello sviluppo della resistenza all’insulina e del diabete di tipo 2. Tuttavia, pochi studi hanno valutato l’associazione tra BCAA e malattie cardiovascolari. Delle oltre 27.000 donne studiate, 2.207 hanno vissuto un evento cardiovascolare nel periodo di controllo di 18 anni.

Il team ha scoperto un’associazione positiva tra i livelli di BCAA e l’incidenza di eventi cardiovascolari. Lo studio ha dimostrato che i BCAA possono essere legati a biomarcatori del metabolismo del diabete di tipo 2. Gli autori concludono: “Il metabolismo alterato dei BCAA può rappresentare il percorso condiviso che collega i rischi del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari”.