Dieci passi per un allattamento al seno di successo

MeteoWeb

L’allattamento al seno, secondo due organizzazioni quali Oms e Unicef, è importante per i primi 2 anni in quanto potrebbe salvare la vita a più di 820.000 bambini l’anno di età inferiore ai 5 anni. La nuova guida proposta dalle due organizzazione ha come obiettivo quello di incoraggiare le nuove mamme ad allattare e ad informare gli operatori sanitari sul modo migliore per sostenere l’allattamento al seno. Tuttavia, con l’allattamento al seno si riducono i costi per strutture sanitarie, famiglie e governi, proteggendo i neonati da infezioni e problemi di salute. Migliora anche il QI, la preparazione e la frequenza scolastica ed è associato a un reddito più elevato nella vita adulta. Riduce anche il rischio di cancro al seno nella madre. Secondo il direttore esecutivo dell’Unicef Henrietta H. Fore, i benefici dell’allattamento al seno aiutano a mantenere in buona salute i bambini nei loro primi giorni fino all’età adulta, la mamma durante questa fase richiede supporto, incoraggiamento e guida. Con le nuove linee guide, attuate correttamente, siamo in grado di migliorare in modo significativo i tassi di allattamento in tutto il mondo e dare ai bambini il miglior inizio possibile della vita. Inoltre, descrivono le misure pratiche che i paesi dovrebbero adottare per proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento al seno in strutture che offrono servizi di maternità e ai neonati e dà indicazioni per aiutare le madri a iniziare l’allattamento entro la prima ora e l’allattamento al seno.

I dieci passi per un allattamento al seno di successo si dividono in procedure di gestione critiche e pratiche cliniche, e sono:

Procedure di gestione critiche (comprende il primo punto)

  • Rispettare pienamente il Codice internazionale di commercializzazione dei sostituti del latte materno e le risoluzioni pertinenti dell’Assemblea mondiale della sanità.
  • Avere una politica di alimentazione infantile scritta che viene regolarmente comunicata al personale e ai genitori.
  •  Stabilire sistemi di monitoraggio e gestione dei dati in corso.
  • Garantire che il personale abbia sufficienti conoscenze, competenze e capacità per sostenere l’allattamento al seno.

Principali pratiche cliniche

  • Discutere l’importanza e la gestione dell’allattamento al seno con le donne incinte e le loro famiglie.
  •  Facilitare il contatto pelle-a-faccia immediato e ininterrotto e sostenere le madri ad iniziare l’allattamento al seno il prima possibile dopo la nascita.
  •  Sostenere le madri per iniziare e mantenere l’allattamento al seno e gestire le difficoltà comuni.
  •  Non fornire ai neonati allattati al seno alimenti o liquidi diversi dal latte materno, se non indicati dal punto di vista medico.
  • Consentire alle madri e ai loro bambini di rimanere insieme e praticare il rooming-in 24 ore al giorno.
  •  Supportare le madri a riconoscere e rispondere alle indicazioni dei loro bambini per l’alimentazione.
  •  Aggiornare le madri sull’uso e sui rischi di biberon, tettarelle e ciucci.
  •  Coordinare l’informazione in modo che i genitori e i loro bambini abbiano un accesso tempestivo all’assistenza.