Premio Costa Smeralda: il premio Innovazione Blu a ISWEC, un dispositivo per la produzione di energia dalle onde del mare

MeteoWeb

La giuria del Premio Costa Smeralda ha oggi reso noti i vincitori della prima edizione confermando l’appuntamento del 28 Aprile a Porto Cervo, giornata che si annuncia ricca di eventi e presenze importanti del mondo culturale e scientifico Italiano, e non solo.

Il presidente onorario di giuria Donatella Bianchi insieme ai colleghi giurati Alberto Luca Recchi, Mario Tozzi, Alessio Satta  e alla direttrice artistica Beatrice Luzzi  annunciano i vincitori: per la sezione narrativa, Rais di Simone Perotti (Frassinelli) e per la saggistica, Oceani di Sandro Carniel (Hoepli) e il progetto ISWEC condotto dal Politecnico di Torino e Wave for Energy per la sezione Innovazione blu.

Rais è un viaggio nel tempo e nello spazio, denso nei contenuti e leggero nella scrittura che ha come protagonisti il mare e la libertà. Una schiava abbandonata su un’isola, un crudele pirata ottomano e una spia ci svelano i retroscena del caos internazionale provocato dalla scoperta dell’America, ricordando a ognuno di noi che prendere in mano il proprio destino è possibile, ma ieri come oggi possiamo farlo solo noi. Il mare diventa così  occasione di confronto e riflessione morale su ciascuno di noi e sulla propria capacità di compiere delle scelte.” Afferma Alberto Luca Recchi, che consegnerà il premio allo scrittore  Simone Perotti.
Oceani fornisce le principali chiavi di accesso ai fondamenti delle discipline connesse al mondo degli oceani in modo semplice e moderno, attraverso la scansione in brevi paragrafi cui si viene introdotti da una premessa intrigante e simbolica. Una sintesi ragionata di una materia vastissima che non perde mai di vista la spinta passionale alla tutela dei mari, basata, però, sulle conoscenze scientifiche. Un premio per la chiarezza dell’esposizione che non resta mai disgiunta dal rigore scientifico, coinvolgendo il lettore. E, infine, per una scelta divertita (e spesso divertente) della scrittura che rende questo saggio meno “tradizionale” e più di sfida intellettuale con cui possono misurarsi tutti”,  dichiara Mario Tozzi che consegnerà il premio a Sandro Carniel per la sezione saggistica.

Wave for Energy in collaborazione con il Politecnico di Torino ha sviluppato un dispositivo per la produzione di energia dalle onde del mare battezzato ISWEC (Inertial Sea Wave Energy Converter) che risponde in modo intelligente e innovativo all’esigenza di sfruttare l’energia del moto ondoso, una delle fonti di energie rinnovabili più interessanti disponibili sul nostro pianeta. La tecnologa ISWEC, che si presenta come una piccola imbarcazione, presenta inoltre un impatto ambientale e paesaggistico molto ridotto in quanto le installazioni possono essere poste a distanza sufficiente dalla costa in modo da azzerare l’impatto visivo per l’uomo.” Dichiara Alessio Satta che assegnerà il premio per il progetto di Innovazione Blu.

I premiati riceveranno un contributo economico e un’opera d’arte – Il Tuffatore – realizzata dall’artista campana Consiglia Marino. Ad aprire la premiazione un prezioso cortometraggio, che grazie ad innovative tecniche di ripresa e monitoraggio, riesce a documentare la presenza della foca monaca in Sardegna; con Il Mistero del Mediterraneo il regista Emanuele Coppola prosegue la sua personale battaglia in difesa di questo affascinante e misterioso mammifero che raccoglie in sé tutta la meraviglia del nostro mare, con le sue debolezze e fragilità.

Atteso l’incontro con lo scrittore ambientalista Sergio Bambarén a conclusione di una giornata  che vedrà alternarsi Brando Quilici con un Omaggio speciale al padre Folco Quilici, tra i più influenti scrittori e divulgatori scientifici al mondo in tema di ambiente, cultura e rapporto uomo-mare; una Menzione Speciale sarà riconosciuta a Rosalba Giugni presidente di Marevivo per la sua trentennale attività in difesa dell’ambiente; una Menzione Speciale anche alla studentessa-vincitrice del concorso letterario Un mare da leggere* proposto con gli stessi focus del premio agli studenti del territorio, già coinvolti nel progetto di responsabilizzazione Adotta una spiaggia. Nella giornata di venerdì 20, infatti, sono state coinvolte 4 classi delle scuole secondarie di primo grado di Arzachena e Abbiadori che hanno perlustrato le spiagge di Capriccioli, Pevero, La Celvia e Romazzino raccogliendo più di 40 kg di rifiuti (per lo più plastica e alluminio). Parte della plastica troverà nuova vita nell’opera di Giorgia Concato, l’artista che curerà l’allestimento della Sala Smeralda del Cervo Tennis Club.

Il premio prevede, quindi, due giorni ricchi di appuntamenti ed eventi dedicati alla valorizzazione e tutela dell’ambiente marino tesi a contribuire, con un messaggio forte, al dibattito culturale, economico e turistico già in atto a livello locale, nazionale e non solo. Il Consorzio Costa Smeralda, il Comune di Arzachena, gli sponsor (Hotel Cala di Volpe e Castalia) e molteplici associazioni locali hanno collaborato insieme a testimonianza della vivacità e dell’impegno di un territorio che intende apportare il suo prezioso contributo di consapevolezza e buone pratiche per una migliore salvaguardia del mare.

L’appuntamento è quindi a Porto Cervo alle 16.30 presso la Sala Smeralda del Cervo Tennis Club per la Cerimonia di premiazione “ove l’incontro tra autori di opere letterarie e d’arte, innovatori, personalità, persone e testimonianze intorno e per il mare vuole assurgere ad atto creativo in sé, performance artistica nel senso più ampio del termine, nel tentativo di ‘trasformare il mondo’ colpendo e segnando testa e cuore di coloro che vi partecipano in loco o attraverso i media partner nazionali e internazionali”- dichiara la direttrice artistica Beatrice Luzzi.

* UN MARE DA LEGGERE

Grazie ad una stretta e costruttiva collaborazione tra il Consorzio Costa Smeralda e il Comune di Arzachena al fine di sollecitare tutti ad un maggiore impegno a difesa del mare e delle sue coste il Premio prevede una serie di iniziative e mobilitazioni collettive del territorio e delle comunità che lo vivono.Tra i principali progetti in essere figura ‘Un Mare da leggere’: un concorso letterario volto a premiare il componimento più convincente e suggestivo fra quelli elaborati tra i 100 studenti delle scuole di Arzachena e Abbiadori in particolare: la Scuola secondaria di 1° grado “Salvatore Ruzittu” di Arzachena (3°A, 3°B, 3°D) e la Scuola secondaria di 1° grado di Abbiadori, Arzachena (2°A e 2°B).