Tisana al carciofo: proprietà e ricetta

MeteoWeb

Il carciofo è un ortaggio coltivato sia a scopo alimentare che per via delle relative proprietà benefiche, oggetto di attenzione da parte della medicina naturale. Dal carciofo, si ricavano dei rimedi naturali depurativi per il fegato e per contrastare l’inibizione dell’ossidazione del colesterolo LDL e la biosintesi del colesterolo stesso. Possiede inoltre spiccate proprietà depurative e contribuisce all’eliminazione delle tossine da parte dell’organismo. Aiuta molto nella digestione e rappresentano un diuretico naturale che migliora la produzione dei succhi digestivi.

I principali benefici del carciofo sono: abbassare il colesterolo, depurare l’organismo e soprattutto il fegato, favorire la diuresi, migliorare la digestione, porta benefici per i reni e la cistifellea e alleggerisce il carico di lavoro del fegato. Gran parte delle proprietà sono dovute alla presenza della cinarina, un polifenolo che rende il carciofo un ottimo drenante e un valido alleato per chi soffre di cattiva digestione. Per la preparazione della tisana occorre un gambo del carciofo intero e si toglie la parte esterna del frutto. Le foglie (circa 30 g) vengono immesse in acqua bollente e bisogna lasciarle bollire per per circa 15 minuti. Una volta pronto l’infuso è meglio filtrare il tutto prima di bere in modo da eliminare gli eventuali residui solidi del carciofo. Nel caso in cui non si ha tempo nel preparare la tisana si può comprare in erboristeria le bustine di tisana al carciofo monodose (da circa 100 gr), da inserire nell’acqua in ebollizione.