Tumore del rene: primi cambiamenti genetici in adolescenza ma il cancro si sviluppa 40-50 anni dopo

MeteoWeb

Gli scienziati hanno tracciato i primi cambiamenti genetici che possono portare a sviluppare un tumore del rene. Secondo i risultati di uno studio dei ricercatori del Wellcome Sanger Institute e del Francis Crick Institute, il primo cambiamento genetico chiave si verifica nell’infanzia o nell’adolescenza e le cellule risultanti seguono un percorso che le porta a progredire in un tumore del rene 40-50 anni dopo.

Gli scienziati hanno sequenziato e analizzato l’intero genoma di 95 tumori del rene da 33 pazienti. Hanno scoperto che inizialmente esistono solo poche centinaia di cellule con questi cambiamenti genetici ed è probabile che la maggior parte di noi le abbia nei propri reni. Tuttavia, il tumore del rene si sviluppa solo nell’1-2% della popolazione.

reneQueste cellule restano inattive per 40-50 anni e non progrediscono in un tumore del rene se non attivate da ulteriori mutazioni. I fattori di rischio per il progresso di queste cellule includono il fumo, l’obesità e il rischio ereditario di tumore del rene. I ricercatori hanno scoperto che la prima mutazione è la perdita del cromosoma 3p in oltre il 90% dei pazienti studiati.

Le opzioni di cura contro questo tipo di tumore includono l’intervento chirurgico, la chemioterapia e la radioterapia. Ma le indicazioni provenienti da questo studio presentano l’opportunità di sviluppare approcci per un rilevamento e un intervento precoci contro la malattia, soprattutto nei gruppi a più alto rischio, come quello delle persone con rischio ereditario.

Uno degli autori dello studio, il Prof. Charles Swanton, del Francis Crick Institute, ha dichiarato: “Comprendere come i tumori si sviluppano ed evolvono nel tempo è fondamentale per aiutarci a raccogliere le informazioni che indicheranno la via verso nuovi approcci terapeutici e la previsione dei risultati. Speriamo che in futuro questo lavoro aiuterà ad adattare interventi medici e chirurgici ai pazienti giusti al momento giusto”.