Astronomia: il cacciatore di esopianeti Tess pronto alla prossima fase della sua missione

MeteoWeb

Tess è pronto a dare il via alla prossima fase della sua missione. Il cacciatore di esopianeti erede della missione Kepler è transitato a circa 8000 chilometri di distanza dalla Luna: il nostro satellite gli ha fornito una spinta gravitazionale sufficiente ad immetterlo nell’orbita operativa finale. Durante questa manovra, Tess (Transiting Exoplanet Survey Satellite) ha avuto modo di sperimentare una delle quattro camere di bordo realizzando uno scatto  della Costellazione meridionale del Centauro che racchiude più di duecentomila stelle.

Se tutto va come previsto, Tess sarà in grado di realizzare immagini dell’85% del cielo durante una vita operativa di due anni. Il 30 maggio, Tess accenderà i suoi propulsori per immettersi in un’orbita altamente ellittica intorno alla Terra che permetterà il monitoraggio continuo di ampie porzioni di cielo. Le operazioni scientifiche vere e proprie – riporta Global Science – inizieranno a metà giugno dopo aver completato le calibrazioni della fotocamera.

Le aspettative sulla missione sono ambiziose: si prevede che Tess grazie ai suoi strumenti sia in grado di scovare migliaia di esopianeti monitorando le stelle più luminose con il metodo del transito che ha permesso di scoprire più della metà dei 3700 esopianeti finora scoperti. Il telescopio James Webb erede di Hubble, fornirà una serie di informazioni cruciali sui pianeti extrasolari più promettenti, consentendo agli scienziati di studiare le loro atmosfere. Tess è partito dalla base Nasa di Cape Canaveral lo scorso 19 aprile a bordo di un vettore Falcon 9 di SpaceX. Il Centro spaziale Luigi Broglio dell’Agenzia Spaziale Italiana situato a Malindi in Kenya, ha fornito una serie di operazioni fondamentali per la sonda accompagnando il suo viaggio verso l’orbita prestabilita.