Malattia di Crohn e colite ulcerosa: 200mila italiani affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali

MeteoWeb

Le malattie infiammatorie croniche intestinali sono patologie croniche infiammatorie caratterizzate dall’alternarsi di fasi di riacutizzazione e di remissione e si distinguono in malattia di Crohn e colite ulcerosa. Sebbene si tratti di patologie diffuse in tutto il mondo, con variazioni sia all’interno che tra le regioni geografiche, i maggiori tassi di incidenza sono più comuni nei paesi industrializzati: in Italia ben 200mila persone ne sono affette.

I meccanismi alla base dello sviluppo di queste malattie non sono ancora completamente noti ma si pensa che il maggior ruolo sia attribuibile, a una particolare attività della risposta immunitaria nei confronti di microorganismi presenti a livello dell’intestino; a ciò si aggiungono i fattori ambientali.

I sintomi più comuni sono: diarrea, dolori addominali, presenza di sangue nelle feci, vomito, astenia e perdita di peso, sintomi che tendono a variare in base al tipo di patologia.

Il trattamento delle Mici si basa sull’utilizzo degli aminosalicilati, i corticosteroidi, gli immunosoppressori.