Menopausa: ecco cosa mangiare per posticiparla

MeteoWeb

Una ricerca condotta da Yashvee Dunneram e Janet Cade dell’Università di Leeds, pubblicata sul Journal of Epidemiology & Community Health, ha concluso che una dieta ricca di pesce e legumi contribuisce a posticipare la menopausa. Al contrario, un regime alimentare che predilige pasta e riso, e più in generale di carboidrati raffinati, potrebbe anticipare questa fase. Secondo gli autori l’effetto positivo di pesce e legumi sarebbe da collegarsi agli antiossidanti in essi contenuti.

Lo studio ha coinvolto oltre 35 mila donne dai 35 ai 69 anni, che hanno fornito informazioni sul loro stile di vita (numero di figli, attività fisica, fumo e altri fattori), compilando anche un questionario alimentare.

Si è scoperto che: ogni porzione giornaliera (210 grammi al giorno) in più di carboidrati raffinati consumata è associata al raggiungimento della menopausa 1,5 anni prima della media; ogni porzione in più al giorno di pesce grasso come il salmone e legumi freschi, come piselli e fagioli, è associata a un ritardo della menopausa di oltre 3 anni in media.
Associati al posticipo della menopausa anche alti livelli di vitamina B6 (presente in farine integrali, avocado, banane, nocciole) e zinco (pesce e carne, avena, legumi, frutta secca, semi di zucca, sesamo e girasole). Mangiare la carne è stato associato al ritardo di quasi un anno della menopausa rispetto a una dieta vegetariana. Gli snack sono associati all’arrivo della menopausa quasi 2 anni prima.