Spazio, ESA: il 22 maggio la presentazione del satellite europeo per esopianeti Cheops

MeteoWeb

Il 22 maggio gli esperti di Cheops – Characterising Exoplanets Satellite – presso Airbus Defence and Space a Madrid, Spagna, mostreranno alla stampa il satellite nella camera pulita.

Cheops effettuerà osservazioni sulle stelle che ospitano esopianeti per misurare piccoli cambiamenti nella loro luminosità dovuti al transito di un pianeta attraverso il disco stellare. Le informazioni aiuteranno a rivelare la dimensione dei pianeti che circondano altre stelle, specialmente quelli nell’intervallo di massa Terra-Nettuno – un primo passo per caratterizzare i pianeti al di fuori del nostro sistema solare.

Lo strumento scientifico che farà queste misurazioni è arrivato di recente presso l’Airbus di Madrid, dopo i test all’Università di Berna, Svizzera, per l’integrazione con la piattaforma della sonda. Questa comprende l’associazione con i pannelli solari, i propulsori, i trasmettitori radio e le ruote di reazione necessari – rispettivamente – per l’alimentazione, la propulsione, le comunicazioni ed il controllo di assetto.

Il satellite così completato è attualmente sottoposto a test e controlli essenziali presso Airbus, come parte dei preparativi di lancio. Rimarrà lì solo per poche settimane prima di essere trasferito per gli ultimi controlli termici, di vibrazione ed acustici in vari siti in Europa. Le verifiche finali saranno effettuate al suo rientro in ottobre, e sarà quindi imballato e preparato per la spedizione alla base di lancio europea di Kourou, nella Guyana francese.

Cheops, che è implementato in base ad una collaborazione tra l’ESA e la Svizzera, è sulla buona strada per essere pronto per il lancio entro la fine dell’anno.

Questo evento offre una delle prime – e ultime – possibilità per la stampa di vedere il satellite completo prima del lancio.