Clima: il ghiaccio marino nel Nord della Groenlandia si spacca e si scioglie, è la prima volta

MeteoWeb

Il ghiaccio marino a Nord della Groenlandia, più spesso e vecchio dell’Artico, quest’estate si è spaccato per la prima volta, a causa dei venti caldi e delle ondate di calore che hanno interessato l’emisfero settentrionale.

Il mare sopra la Groenlandia viene considerato l’ultimo baluardo contro il cambiamento climatico e lo scioglimento dei ghiacci, ma quest’anno, per due volte, il ghiaccio marino si è staccato e le acque si sono aperte, in un evento mai osservato dagli anni ’70 (da quando sono iniziate le registrazioni satellitari).

In passato la maggior parte del ghiaccio marino nell’Artico era un pluriennale, ma adesso la quasi totalita’ si riforma ogni anno. L’unica zona in cui e’ rimasto il ghiaccio pluriennale e’ a Nord della Groenlandia, ma questo ultimo baluardo si e’ staccato e si allontana dalla costa” spinto dai venti, ha spiegato all’Independent Peter Wadhams, a capo del Polar Ocean Physics Group dell’universita’ di Cambridge.

La compattezza del ghiaccio a Nord della Groenlandia, con uno spessore di circa 4 metri, è dovuta al fenomeno meteorologico del Transpolar Drift Stream, che lo spinge dalla Siberia attraverso l’Artico alla costa, dove si accumula.