Tragedia nelle Gole del Raganello in Calabria: agente di polizia penitenziaria morto dopo avere salvato i figli

MeteoWeb

Gianfranco Fumarola, residente a Cisternino (Brindisi),è tra le vittime della tragedia delle gole del Raganello in Calabria: è morto la notte scorsa in ospedale a seguito delle gravi ferite riportate. Era un agente di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Taranto ed aveva tre figli maschi, e ieri era in escursione con i figli di 11 e 12 anni, che si sono salvati probabilmente grazie al loro papà: “L’ipotesi e’ che l’uomo, come farebbe ogni padre, prima di essere trascinato dall’ondata di piena abbia salvato i due figli che sarebbero stati trovati dai soccorritori attaccati a dei rami o a delle rocce“, ha spiegato il sindaco di Cisternino Luca Convertini.

La moglie Cinzia ed il figlio di 4 anni avevano deciso di non partecipare all’escursione.