Salute: ecco perché le zanzare sono considerate gli animali più letali del mondo

MeteoWeb

Le creature assetate di sangue considerate gli animali più letali sulla Terra potrebbero non essere quello che immaginate. Le zanzare sono le creature in grado di spezzare il maggior numero di vite, uccidendo più persone in un giorno rispetto a quanto fanno gli squali in un secolo.

Quello che i fastidiosi insetti non hanno in dimensioni, lo recuperano nel numero di potenziali malattie che possono trasportare e diffondere rapidamente. Le zanzare disseminano malattie e virus, come Zika, dengue, chikungunya e febbre gialla, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Solo la malaria ha ucciso oltre 438.000 persone nel 2015 e 445.000 nel 2016. Le malattie portate dalle zanzare uccidono quasi 2,7 milioni di persone ogni anno.

punture zanzareQuello che le rende gli animali più letali sulla Terra è la capacità di adattarsi facilmente a nuovi ambienti. Alcune zanzare si sono adattate anche agli ambienti urbani e sono capaci di riprodursi in piccole gocce d’acqua, anche in maniera rapida: una femmina può produrre tra 50 e 500 uova in una sola volta.

Una zanzara può trasmettere malattie attraverso la puntura della sua proboscide, costituita da 6 parti che somigliano ad aghi che bucano la pelle, permettendole di succhiare il sangue umano. “Poiché le malattie legate alle zanzare sono trasportate da una varietà di generi che vivono in habitat differenti e hanno comportamenti differenti, è difficile evitare di essere punti. Questo rende più probabile la contrazione di una malattia se si vive o si visita un Paese dove ci sono molte zanzare che trasmettono malattie”, spiega Karen Thompson, di InsectCop.net.

Tuttavia, non tutte le oltre 3.500 specie di zanzare esistenti rappresentano una minaccia per l’uomo: Aedes aegypti, Anopheles e Culex sono 3 delle circa 100 specie che si nutrono di sangue umano. Le zanzare creano una seria minaccia anche per gli animali: “Se si nutrono di volatili infetti, possono diffondere i loro agenti patogeni agli uomini e ad altri mammiferi. Pungono anche anfibi, rettili, scoiattoli, conigli e altri piccoli mammiferi”, spiega Burns Blackwell, presidente e amministratore delegato di Terminix-Triad.

Il fatto che diverse specie abbiano sviluppato resistenza ad alcuni insetticidi o abbiano adattato le loro abitudini alimentari per sopravvivere ai metodi di controllo contribuisce alla minaccia che rappresentano. “Le zanzariere da letto, che hanno dato un duro colpo alle morti per malaria bloccando le Anopheles che si nutrono di notte, non sono così efficaci contro le zanzare che si sono adattate a nutrirsi all’inizio della giornata”, aggiunge Blackwell.

Usare un repellente per insetti autorizzato, coprirsi quando si è all’aperto e tenere le zanzare lontane utilizzando zanzariere a porte e finestre sono modi che possono aiutare a evitare le loro fastidiosissime e pericolose punture.