Allerta Meteo, irrompono Bora e Grecale: shock termico nelle prossime ore, crollo di -12°C sulle Regioni Adriatiche

MeteoWeb

Allerta Meteo – La svolta è in atto. L’alto Adriatico è alle prese con il fronte da Nord, annunciato già da sabato, con nubi e piogge, in queste ore, soprattutto sulle regioni dell’ex Jugoslavia, mentre in mattinata qualche pioggia ha bagnato il Triestino. Inizia a farsi sentire la Bora a Trieste con 30/40 km, ma in intensificazione verso tarda mattinata e poi in giornata sul medio e alto Adriatico un po’ tutto, fino a raffiche sui 70/90 km/h in mare aperto.

Nubi sono presenti anche sul Veneziano, dove c’è stato qualche debole piovasco stamani, altri fenomeni irregolari anche sul Polesine, ora in direzione della Romagna e Marche. Temporali sull’Alto Adriatico in mare, di fronte alle coste del Ferrarese, Ravennate, verso anche la terraferma di queste aree. Addensamenti sono sconfinati anche verso il Levante Ligure e l’alta Toscana, anche qui con qualche rovescio sulle aree interne e verso Massa-Carrara, area Viareggio, ma in miglioramento verso le ore entrali.

Correnti ancora nord occidentali, che precedono l’arrivo del fronte, insistono sul medio-basso Tirreno e al Sud, dove stanno addensando aria umida verso la Campania, segnatamente occidentale, e localmente verso il Nord Cosentino, anche qui con qualche debole precipitazione sparsa. Nubi irregolari anche sul Lazio, ma, al momento, senza fenomeni degni di nota.

Le nubi si andranno intensificando sulle Marche, con arrivo di locali rovesci sparsi e, via via, verso le ore centrali e poi al pomeriggio, saranno le altre regioni adriatiche, in primisi Abruzzo, Molise, aree interne appenniniche e anche Centro Sud ed Est Lazio, a veder più nubi e piogge.

Previsti fenomeni più intensi, spesso a carattere di temporale, tra Abruzzo e Molise, specie verso le aree costiere e immediato entroterra. Rovesci e temporali diffusi sul resto delle aree citate e altri in direzione della Campania, questa volta centro orientale, della Lucania, localmente del Centro Nord Puglia e fino al Nord della Calabria, area Cosentino, Sila. Previsti locali addensamenti pomeridiani con qualche rovescio o temprale anche verso il Nordest Sardegna.

Altrove al Sud, sulla Sicilia e al Nord, tempo mediamente buono, salvo addensamento occasionali e fenomeni rari. Elemento di rilievo, il crollo termico che già ha avuto luogo sui crinali alpini orientali, con isoterma di 0° intorno ai 1700 m e persino qualche fiocco a 1400/1500 nella tarda notte o prima mattinata. Crollo termico che sta prendendo piede anche al Nordest, con già 6/8° in meno entro le 12.00, specie tra Veneto, Friuli V.G. e poi fino all’Emilia Romagna e Marche.

In giornata, temperatura in picchiata anche su tutte le regioni adriatiche, appenniniche e fino alla Puglia, qui addirittura con scarti, rispetto a ieri, di ben 10° entro le 18.00 di oggi. Proseguirà il calo termico per le aree del Nord, appenniniche e adriatiche entro la mezzanotte prossima con altri 2/3° in meno, fino a punte di -12° in pianura rispetto ai valori di ieri. Tonfo, quindi, sensibile.  Calo pur significativo, ma meno eclatante sulle aree tirreniche e in Sardegna, di 6° in media; calo ancora impercettibile, per oggi, sulla Sicilia con valori quasi stazionari e sopra le medie, qui in calo di qualche grado solo nel corso di domani.

Ribadiamo l’intensificazione dei venti di Grecale e Bora, non solo sul medio e alto Adriatico, ma anche sul medio e alto Tirreno e basso Adriatico, entro sera, spesso anche qui con raffiche sui 70/80 km/h in mare aperto, mediamente sui 20/40 km/h altrove. Venti sostenuti da Nord/Nordovest sui bacini intorno alla Sardegna e sul Canale e Stretto di Sicilia. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: