Australia: sviluppato drone sottomarino per monitorare la Grande Barriera Corallina

MeteoWeb

Ricercatori della Queensland University of Technology hanno sviluppato un drone sottomarino in grado di monitorare lo stato di salute della Grande Barriera Corallina australiana e fermare le specie invasive.
RangerBot è dotato di un sistema di visione operato da terra via computer e può monitorare lo sbiancamento dei coralli, la qualità dell’acqua, l’inquinamento e l’accumulo di sedimenti. E’ in grado di individuare la minaccia della stella corona di spine, una stella marina con spine velenifere responsabile di invasioni distruttive: è considerata una delle tre maggiori minacce alla Barriera, insieme con lo sbiancamento e i danni da cicloni.
Nato dalla collaborazione tra la Queensland University of Technology, Google e la Great Barrier Reef Foundation, è programmato per individuare l’invasione con una precisione del 99% e può iniettare aceto o sali biliari per uccidere le predatrici invasive.
Il drone opera in autonomia, può restare in immersione più a lungo di un sub e può lavorare in tutte le condizioni meteo.