Dolore al petto: ecco le cause più frequenti

MeteoWeb

Il dolore al petto è un sintomo di un’altra condizione medica, percepito come un senso di malessere a livello del petto.
Svariate possono essere le cause: malattie della pelura, disturbi gastro-intestinali (es. reflusso gastroesofageo, pancreatite, ulcera gastroduodenale, patologie del tratto biliare), sindromi coronariche acute (infarto del miocardio, dissecazione aortica, angina), (sindrome di Tietze o costocondrite, ernia del disco, infezione da herpes zoster, vari tumori toracici.
In primis, evitate di fare autodiagnosi, contattando il medico di fiducia e raccontandogli dettagliatamente tutti i sintomi che avvertite.
In base alla causa, il dolore può essere acuto, bruciate, simil ad una coltellata oppure pressante. Importante, durante l’anamnesi, comunicare eventuali familiarità con problematiche cardiache e l’assunzione di farmaci.

In caso di segnali che lasciano supporre che si tratti di infarto (dolore al petto centrale, simile ad un’oppressione che parte da dietro lo sterno e può estendersi a braccio, mandibola e spalla del lato sinistro, aumentata sudorazione, nausea, malessere generale e difficoltà respiratorie), non esitate a contattare il 118 o a recarvi personalmente al pronto soccorso.