Salute: il fumo aumenta il rischio di demenza e Alzheimer

MeteoWeb

Il fumo di sigaretta è una delle cause più importanti di morti evitabili nel mondo. Almeno 14 milioni di casi di morbilità sono attribuiti al fumo, come broncopneumopatia cronica ostruttiva, malattie cardiovascolari, ictus e tumori. Dal momento che sembra esistere un certo consenso sui rischi di malattie neurodegenerative creati dal fumo, è importante stabilire se smettere di fumare altera il rischio di sviluppare demenza in fasi future della vita.

Tuttavia, finora solo pochi studi che hanno analizzato l’associazione fumo-demenza, hanno esaminato anche da quanto le persone avevano smesso di fumare. Inoltre, la maggior parte degli studi è stata condotta su popolazioni occidentali; pochi, invece, in Asia. Dal momento che la prevalenza e la distribuzione della demenza tra popolazioni occidentali e asiatiche sono diverse, gli effetti del fumo sul rischio di demenza potrebbero differire a seconda dei gruppi etnici.

alzheimerPer questi motivi, un’analisi nazionale della Corea, condotta dalla Seoul National University su 46.140 uomini di 60 o più anni e pubblicata su Annals of Clinical and Translational Neurology, ha voluto determinare il rischio di sviluppare demenza in relazione al momento in cui si smetteva di fumare. I partecipanti sono stati seguiti per 8 anni. I risultati sostengono che, rispetto a chi continuava a fumare, coloro che avevano smesso da molto tempo e coloro che non avevano mai fumato avevano un rischio di demenza ridotto rispettivamente del 14% e del 19%. Inoltre, questi stessi gruppi avevano una riduzione del rischio di demenza vascolare rispettivamente del 32% e del 29%. Le persone che non avevano mai fumato, infine, avevano anche un rischio di Alzheimer ridotto del 18% rispetto a coloro che continuavano a fumare.

Ne consegue che il fumo è associato ad un maggior rischio di demenza. I fumatori che hanno smesso di fumare per un lungo periodo di tempo potrebbero beneficiare di una riduzione del rischio. Per questi motivi, i fumatori dovrebbero essere incoraggiati a smettere, soprattutto nelle popolazioni più anziane, già soggette al rischio di demenza.

Il declino cognitivo si può evitare: ecco 7 comportamenti per scongiurare il rischio