Meteo Italia, è ancora Estate: caldo oltre la norma su tutti i mari italiani, è il periodo migliore per godersi le nostre acque

MeteoWeb

In vista di condizioni meteorologiche spesso stabili e anticicloniche, in questo settembre, a parte dei disturbi ogni tanto, e in vista anche di un andamento termico un po’ sopra la norma nel corso dei prossimi giorni, facciamo un punto della situazione termica sui nostri mari. Una informazione, questa, che riteniamo senz’altro interessante per una stagione balneare che potrà avere un buon seguito ancora.

Diciamo subito che lo stato termico delle acque superficiali su tutta la parte del Mediterraneo circostante il nostro territorio è ovunque sopra norma e ottimale per  la balneazione. Ci sono, tuttavia, delle differenze, dovute alla disposizioni bariche succedutesi ultimamente, alle correnti in profondità, nonchè alle varie profondità stesse che caratterizzano i vari settori.

Dall’immagine di seguito, balzano in evidenza i colori più accesi (bollino sull’arancio) che contraddistinguono i mari meridionali in genere.  Sono questi, infatti, a far segnare i valori più elevati.

Lo stretto di Sicilia, in particolare (quindi il tratto di mare che bagna la costa occidentale dell’isola) è quello più caldo, con 26,5°; seguono a ruota lo Ionio meridionale e settentrionale, quindi coste siciliane orientali, coste ioniche calabresi e pugliesi, con andamento termico sui 26,1/26,2°.

25,4° la temperatura media per il Tirreno meridionale, quindi coste tirreniche calabresi, siciliane e sudorientali sarde; intorno ai 25° i valori sul Tirreno centrale e settentrionale, coste laziali, campane, nordorientali sarde, meridionali toscane.

Via via qualche decimo di grado in meno sul Mar Ligure, Mare di Corsica e di Sardegna, tra 24 e 24.3°. Leggermente più miti le temperature dell’alto Adriatico, del Canale di Sardegna e dell’Adriatico Centrale, con valori sotto i 24°, anche sotto i 23° sul tratto di mare antistante le coste marchigiane e abruzzesi , ma comunque su valori molto piacevoli e sopra media.

Le previsioni per tutta la settimana in corso sono per pochissime variazioni dello stato termico appena descritto, semmai un ulteriore incremento, specie sui bacini meridionali.