USA, tempesta tropicale Gordon: stato di emergenza in Louisiana e Mississippi, allagamenti ed evacuazioni

MeteoWeb

I residenti lungo le aree costiere dalla Florida alla Louisiana sono corsi ai ripari per prepararsi ad un diluvio a causa della tempesta tropicale Gordon che si sta rinforzando in un uragano nel suo percorso verso la parte centrale della Costa del Golfo. Le imbarcazioni sono state spostate in porti sicuri e i proprietari stanno cercando di proteggere i loro beni che potrebbero essere presto sommersi dall’acqua. Una serie di scuole ha cancellato le lezioni, le persone sono corse a riempire sacchi di sabbia e le bandiere di divieto di balneazione lungo le coste sventolano sotto la spinta dei forti venti della tempesta in avvicinamento.

Gli ultimi aggiornamenti riportano che la tempesta si trova a circa 365 km a est-sudest della foce del Mississippi, con venti massimi di 100 km/h. Si sta muovendo abbastanza velocemente, ad una velocità di 28 km/h. Un’allerta uragano è in vigore per la foce del Pearl River in Mississippi e per il confine Alabama-Florida. Un’allerta inondazioni, invece, copre l’area compresa tra la Louisiana e l’Alabama. L’area potrebbe vedere un aumento del livello delle acque di 0,9/1,5 metri, che potrebbe causare inondazioni potenzialmente letali.

tempesta tropicale gordonIn Louisiana e nello stato del Mississippi è stato dichiarato lo stato di emergenza e sono state mobilitate risorse statali. A Grand Isle, città della Louisiana, la costruzione in corso dell’Highway 1 potrebbe causare diversi problemi per le persone che dovranno evacuare, ha fatto notare il sindaco. “Se dovete evacuare, fatelo prima che la strada si allaghi”, ha avvisato il primo cittadino.

Le forti piogge hanno fatto straripare un torrente, che ha allagato la città universitaria di Manhattan, nel Kansas, costringendo oltre 300 persone a lasciare le loro case. Almeno 20 di loro sono state salvate tramite l’utilizzo di imbarcazioni. Istituiti 2 rifugi di emergenza. Circa 230 mm di pioggia sono caduti tra la notte di domenica 2 e la mattina di lunedì 3 settembre. Il campus principale della Kansas State University non è stato allagato, ma è stato comunque istituito un centro di emergenza per gli studenti sfollati. Le immagini postate sugli account ufficiali delle autorità mostrano edifici allagati quasi fino al soffitto. Fortunatamente, ci sono stati solo feriti lievi. Il numero di blackout è calato da 3.000 a meno di 200, secondo le autorità. Altri 25/50 mm di pioggia sono attesi sull’area fino a giovedì 6 settembre e un’allerta alluvioni è in vigore fino alle 19 (ora locale) di oggi, 4 settembre.