TV, Rai Storia: “Italia: viaggio nella bellezza” racconta i guardiani della bellezza, dalla parte del patrimonio

MeteoWeb

Un viaggio alla scoperta dei “guardiani della bellezza” attraverso le storie di grandi personaggi che hanno dedicato la loro vita alla ricerca e alla tutela dei nostri beni culturali. Gli archeologi e i soprintendenti pionieri – che si sono schierati, spesso in epoche e in contesti difficili, sempre “dalla parte del patrimonio” – sono i protagonisti di “Italia: viaggio nella bellezza”, il programma di Rai Cultura in onda lunedì 1 ottobre alle 21.10 su Rai Storia. Dall’archeologo Giuseppe Fiorelli che nell’800 “inventò” di fatto il parco archeologico di Pompei, a Luigi Bernabò Brea che, all’indomani del secondo conflitto mondiale, rivoluzionò la museologia italiana nell’ambito del suo instancabile lavoro come soprintendente della Sicilia Orientale; da Antonio Cederna, l’intellettuale che negli anni più bui della cementificazione e della speculazione edilizia insegnò agli italiani la salvaguardia del patrimonio archeologico e paesaggistico; a Emanuel Anati, l’archeologo grazie al quale le incisioni rupestri della Valcamonica sono diventate nel 1979 in primo sito italiano iscritto nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.