Vulcani: intensa attività su scala planetaria ha innescato la “Grande moria”, una delle più grandi estinzioni di massa

MeteoWeb

Una ricerca condotta dall’Accademia Cinese delle Scienze in collaborazione con il Mit, il Museo Nazionale di Storia Naturale di Washington e l’Università di Calgary ha ricostruito i dettagli di una delle più grandi estinzioni di massa, la “Grande moria“, verificatasi 252 milioni di anni fa, alla fine del Permiano: in soli 30.000 anni si è estinto il 90% degli animali degli oceani e i rettili della terraferma.
Lo studio, i cui dettagli sono stati pubblicati su Geological Society of America Bulletin, ha rilevato che a provocare l’estinzione di massa sarebbe stata un’intensa attività vulcanica su scala planetaria: la conclusione si basa sull’analisi di roccia vulcanica nel Guangxi, in Cina, che conserva ancora le tracce dell’evento, come ad esempio fossili di molti organismi marini.
I fattori che hanno reso impossibile la vita sul pianeta sono stati numerosi, ma tutti connessi alle eruzioni: piogge acide, calo dell’ossigeno negli oceani, presenza di gas tossici e di metalli pesanti nell’atmosfera. Inoltre, riportano i paleontologi, alti livelli di gas serra, come anidride carbonica e metano, nel periodo dell’estinzione di massa, hanno provocato anche un aumento delle temperature di circa 10°C.