Accadde oggi: nel 1979 il primo gay pride, ovvero la prima manifestazione per i diritti degli omosessuali

MeteoWeb

Era il 14 ottobre 1979 quando negli Stati Uniti, a Washington, si svolse la prima marcia per i diritti gay, alla quale inaspettatamente parteciparono decine di migliaia di persone. La National March on Washington for Lesbian and Gay Rights, fu una grande manifestazione di natura politica durante la quale oltre centomila attivisti marciarono per le strade della capitale statunitense rivendicando pari diritti civili per gli omosessuali e chiedendo a gran voce il passaggio ad una legislazione di protezione di questi diritti. In questi 39 anni le battaglie messe in campo per affermare i diritti lgbt e le relative conquiste non sono state poche e nemmeno indolori. La legge sulle unioni civili approvata in Italia crea ancora oggi dibattito e polemiche; la nostra società, lungi dall’essere giunta ad un punto finale della questione, ha ancora molto da fare per raggiungere un equilibrio in tal senso. Da questo punto di vista, però, non sempre i cosiddetti “gay pride” sono stati utili ad abbassare i toni del dibattito e soprattutto utili a far comprendere che i diritti degli omosessuali sono imprescindibili in una società che si voglia definire moderna. Da colorate e pittoresche sfilate, queste marce si trasformano troppo spesso in grottesche passerelle che diventano occasione, per molti esibizionisti, di mettersi in mostra superando soventemente i limiti del pudore.