Allerta Meteo, Estofex prolunga l’allarme per il forte maltempo al Sud: rischio alluvioni ancora alto soprattutto in Calabria, grandine, tornado e forti venti

MeteoWeb

Allerta Meteo – Estofex (European Storm Forecast Experiment) lancia nuovi e pesanti avvisi sul maltempo che continua a imperversare sul Sud Italia. Sono state, infatti, emesse allerte meteo di livello 1 e 2 per l’Italia meridionale per alluvioni lampo e, in misura minore, per grandine di grandi dimensioni, tornado e forti raffiche di vento.
Stessi livelli di allerta per il Mar Ionio per grandine di grandi dimensioni, tornado e forti venti.
Livello di allerta 1 per Sardegna e coste orientali della Corsica, principalmente per alluvioni lampo e, in misura minore, per tornado.
Tutte le allerte si intendono valide fino alle 8 (ora italiana) di domani, 6 ottobre.

L’Europa centrale si trova al di sotto di un’ampia dorsale che devia la zona frontale verso nord e nel settore caldo di un forte ciclone sul Mar di Norvegia. Il fronte freddo di questo ciclone avanzerà lentamente verso sud sul Mare del Nord e sulle Isole Britanniche. Una goccia fredda sul Mar Tirreno prepara il terreno per un’altra giornata temporalesca sull’area del Mediterraneo centrale. Rispetto alle previsioni già fatte nelle ultime ore, sono attesi pochi cambiamenti alla situazione di forte maltempo che sta colpendo furiosamente il Sud Italia.

Sud Italia e Mar Ionio

La minaccia di forte maltempo è più alta sul lato anteriore della goccia fredda, dove robusti indici CAPE e forti shear verticali del vento si sovrappongono nel regime di avvezione di aria calda sul Mar Ionio. I modelli prevedono CAPE nell’ordine di 1000-3000 J/Kg a largo delle coste, che dovrebbero però essere molto inferiori lungo le coste. La convezione in questo ambiente potrebbe organizzarsi bene e aumentare in grandi cluster, che potrebbero anche contenere supercelle. Tutti i tipi di eventi meteo gravi sono possibili con queste tempeste. Quando si muovono verso la terraferma, le alluvioni lampo diventano il rischio dominante, soprattutto in Calabria dove venti di 15/ms a 850hPa alimentano molta umidità verso la costa e le montagne. Proprio la Calabria è letteralmente bersagliata da piogge alluvionali, con quantitativi di pioggia eccezionali su tutto il territorio.

Il momento, la frequenza, la posizione e la portata del movimento delle tempeste sulla terraferma sono difficili da prevedere. Tempeste intense e probabilmente ben organizzate si stanno muovendo verso nord in Calabria e a est della Sicilia. I modelli concordano ampiamente su accumuli massimi fino a 100mm in 24 ore con ripetuti round di convezione nelle aree costiere e forte maltempo, soprattutto alluvioni lampo.

Una convezione sparsa potrebbe diffondersi anche verso nord sul Mar Adriatico e sulle coste adiacenti a causa del regime di avvezione di aria calda che procede la sua corsa nel periodo indicato. Lo shear verticale del vento è più debole, il CAPE è limitato e la convezione potrebbe aumentare sempre di più.

Italia occidentale, Sardegna, Corsica e Mar Tirreno

Sotto il nucleo della goccia fredda, i livelli medi freddi dell’atmosfera sulle acque calde del mare creano indici CAPE nell’ordine di alcune centinaia di J/Kg senza molto shear. Temporali sparsi ruoteranno intorno alla goccia fredda per tutto il periodo indicato. Esiste il rischio di alcune alluvioni lampo sul lato orientale della Corsica e sulla Sardegna. Il centro di questo rischio si muoverà lentamente verso nord, seguendo la traiettoria del ciclone. Non si esclude la possibilità di qualche tromba marina nel caso in cui si formassero zone di convergenza pronunciate, anche se il campo del vento potrebbe annullare la loro formazione.

È, dunque, ancora emergenza maltempo al Sud. Attenzione ai fenomeni di queste ore. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale:

allerta meteo estofex sud italia 5-6 ottobre