Ottobre 2018, cambio ora da legale a solare: tutte le INFO UTILI e i consigli per affrontarlo al meglio

MeteoWeb

Sta per tornare l’ora solare che ci farà salutare, sino a marzo 2019, l’ora legale. L’appuntamento è atteso tra sabato 27 e domenica 28 ottobre, quando le lancette dell’orologio saranno spostate indietro di un’ora, dalle 3 alle 2 di notte: il risultato sarà più luce di mattina, mentre la sera il Sole tramonterà prima.
La scelta di effettuare lo spostamento di notte non è casuale: il passaggio dall’ora legale a quella solare avviene quando la circolazione di treni, aerei e altri mezzi di trasporto pubblici è ridotta al minimo, delimitando al massimo il disallineamento o lo sfasamento rispetto agli orari giornalieri programmati.

Con un totale di 195 Paesi in tutto il mondo, sono solo 76 quelli che sposteranno indietro le lancette. L’ora solare non è utilizzata dai Paesi vicini all’Equatore, per i quali la differenza di illuminazione durante l’anno è minima, così come la maggior parte dei Paesi africani e asiatici, così come sono fuori dalla convenzione le isole Hawaii e lo stato dell’Arizona. I Paesi dell’emisfero australe, avendo le stagioni invertite, hanno anche date di ora legale e solare speculari, per cui in Australia le lancette a fine ottobre vanno messe avanti di un’ora. Le Baleari richiedono con forza di proseguire con l’ora legale. Ibiza, Maiorca, Minorca e Formentera vorrebbero godere di un’ora in più di luce al pomeriggio per favorire i turisti fuori stagione.

Come affrontare al meglio il cambio dell’ora

Secondo diversi studi, le “allodole”, ossia le persone che tendono ad andare a letto presto e ad essere mattiniere, subiscono gli effetti negativi del cambio d’ora mentre i gufi, coloro vanno a dormire tardi e riescono a sfruttare l’ora legale al meglio, dormendo di più al mattino, subirebbero meno effetti negativi.
Per contrastare l’effettomini jet-lag” da cambio ora, occorre praticare un’attività fisica, preferibilmente aerobica, che stimola le endorfine, prestando attenzione alla dieta.
Mai esagerare con le porzioni, privilegiando metodi di cottura semplici (es. al vapore, al forno, alla griglia), consumando spuntini a base di frutta fresca di stagione, associati, ad esempio, ad una manciata di noci o mandorle.
Da evitare il consumo, nelle ore serali, di alimenti che richiedono tempi molto lunghi di digestione e mai cenare troppo tardi.

Sarebbe d’aiuto eliminare dall’ambiente in cui si dorme qualsiasi fonte di disturbo (PC, TV, cellulare), evitando l’eccessivo riscaldamento della stanza da letto. Lasciate che la luce solare filtri dalle tapparelle della camera da letto per un risveglio più dolce; mettete la sveglia sempre alla stessa ora anche nel fine settimana, esponetevi maggiormente alla luce solare, soprattutto al mattino o approfittata della pausa pranzo per sostare su una panchina assolata o per una salutare passeggiata all’aria aperta.

La Coldiretti ha stilato un vademecum che ha lo scopo di aiutare ad affrontare al meglio il passaggio dall’ora legale all’ora solare.
Per dormire bene: evitate cioccolato, cacao, tè, caffè e superalcolici, così come i cibi contenenti troppo sodio (curry, paprika, sale), cibi in scatola, salatini e piatti in cui sia stato utilizzato dado da cucina.

Per garantire un sonno regolare: si a pasta, riso, pane, orzo, legumi, uova bollite, formaggi freschi, pesce, carne, ma anche verdure (lattuga, zucca, cavoli, radicchio rosso, rape, aglio e cavoli). Si allo yogurt così come ad un bel bicchiere di latte prima di andare a dormire, per diminuire l’acidità gastrica, oltre a tisane e ad un dolcetto rocco di carboidrati semplici per rilassarsi e distendere la mente. Niente fumo, bevendo molta acqua durante l’arco della giornata.