Maltempo, l’Autunno sforna violenti tornado in Italia: i precedenti più noti e il rischio attuale [VIDEO]

MeteoWeb

La fine dell’Autunno è la stagione dei tornado in Italia, soprattutto sulle parti occidentali, centrali e meridionali della penisola. Le temperature calde del Mediterraneo e una massa d’aria molto umida si combinano con profonde depressioni per produrre ambienti molto instabili. Inoltre, le depressioni sono circondate da forti correnti a getto che portano venti di forte intensità. Una ciclogenesi secondaria sul Mediterraneo settentrionale spesso produce venti meridionali molto potenti e profili verticali del vento favorevoli a supercelle e tornado. E le condizioni di maltempo estremo di queste ore innalzano fortemente l’allarme tornado in Italia.

Mentre l’Autunno avanza, le depressioni arrivano a raggiungere il Mediterraneo centrale. Con l’alta instabilità in atto (oltre 2000 J/Kg non sono insoliti nel mese di novembre sul Tirreno meridionale e sul Mediterraneo centrale) e un deep layer shear molto forte, possono verificarsi tornado molto intensi. Ecco alcuni degli esempi più noti e particolarmente evocativi di quanto detto finora.

6 novembre 2016: tornado F3 a Cesano, Roma

Un forte tornado F3 in rapido movimento ha colpito l’area tra Ladispoli e Cesano il 6 novembre del 2016. Cesano, che ha riportato i danni più gravi, si trova circa 30 km a nord-ovest di Roma. La “scia di distruzione” lasciata dal tornado si estendeva per 41 km. In quell’occasione, ci sono state due vittime e un ferito.

https://www.youtube.com/watch?time_continue=7&v=maNdeSFcqN0

28 novembre 2012: tornado F3 a Taranto

Uno spettacolare ed enorme tornado F3 ha colpito Taranto, in Puglia, il 28 novembre 2012. Il tornado ha prodotto danni diffusi su una fascia lunga 14 km, causando inoltre una vittima e 40 feriti.

L’Italia non è certo nuova a questi fenomeni, come dimostrano i video che vi riproponiamo nell’articolo. Per questo motivo, le allerte emesse non devono essere sottovalutate: le condizioni per tornado di forte intensità sulla nostra penisola al momento ci sono tutte. Massima attenzione!