Nobel per la Medicina 2018, Biffoni (ISS): se l’Italia vuole vincerlo “deve investire di più nella ricerca”

MeteoWeb

Se l’Italia vuole aggiudicarsi il Nobel per la Medicinadeve investire di più nella ricerca. Oggi abbiamo delle carenze nella sistematicità, nell’organizzazione e nei finanziamenti, più bassi rispetto agli altri Paesi“: lo ha dichiarato all’AdnKronos Salute Mauro Biffoni, direttore del Dipartimento di oncologia e medicina molecolare dell’Istituto Superiore di Sanità, in riferimento all’assegnazione del premio a James P. Allison e a Tasuku Honjo per l’immunoterapia anticancro.
Il premio ai due scienziati è “un riconoscimento tempestivo e atteso per una scoperta che rappresenta una delle più grandi novità in tema di ricerca sui tumori. In genere il lasso di tempo tra la scoperta e il riconoscimento è più ampio. In questo caso i tempi sono stati brevi e anche dal punto di vista mediatico la risonanza è stata notevole. A ragione“. “La novità ha aperto una serie di prospettive per le terapie di malattie oncologiche in fase avanzata e senza alternative, come nel caso del melanoma metastatico“. Nuove prospettive quindi per “una maggiore personalizzazione della cura. Mentre il goal del prossimo futuro è comprendere con certezza quali pazienti possono beneficiarne davvero“.