Spondilite anchilosante e artrite psoriasica: ecco il trattamento che migliora segni e sintomi

MeteoWeb

Novartis, leader in immuno-dermatologia e reumatologia, ha annunciato oggi che presenterà una serie di dati a cinque anni provenienti dalle estensioni in corso degli studi di fase III FUTURE 1 e MEASURE 1, condotti con il secukinumab rispettivamente in pazienti con artrite psoriasica1e con spondilite anchilosante2. Questi nuovi dati saranno presentati al meeting annuale 2018 dell’American College of Rheumatology/Association of Rheumatology Health Professionals (ACR/ARHP), che si terrà a Chicago.

La spondilite anchilosante e l’artrite psoriasica hanno un impatto significativo sulla qualità della vita dei pazienti, e richiedono un trattamento completo, in grado di affrontare tutte le manifestazioni della malattia”, ha affermato il professor Georg A. Schett, Professore e Direttore del Dipartimento di Medicina, Reumatologia e Immunologia presso l’Università di Erlangen-Nuremberg. “La presentazione dei dati a lungo termine nell’artrite psoriasica e nella spondilite anchilosante supporta il ruolo centrale del secukinumab nella gestione a lungo termine di queste patologie complesse e variegate”.

I nuovi dati a lungo termine degli studi FUTURE 1 e MEASURE 1 confermano che il secukinumab fornisce miglioramenti costanti fino a cinque anni dei segni e dei sintomi di artrite psoriasica e di spondilite anchilosante1,2. Nel corso dello studio FUTURE 1, rispettivamente l’83 e il 94% dei pazienti con artrite psoriasica hanno raggiunto la totale risoluzione di entesite e dattilite1. Oltre l’80% dei pazienti che sono entrati nelle fasi di estensione di entrambi gli studi ha portato a termine il periodo di cinque anni1,2, con un profilo di sicurezza coerente con quelli segnalati in precedenza4-6. Questi dati si aggiungono ai risultati dello studio SCULPTURE, in cui due terzi dei pazienti trattati con il secukinumab non hanno riportato alcun impatto della malattia cutanea sulla qualità della loro vita nell’arco di un periodo di cinque anni4.

L’artrite psoriasica (PSA) e la spondilite anchilosante (SA) sono entrambe patologie debilitanti, croniche e progressive, che possono avere un impatto significativo sulla mobilità – e quindi sulla qualità della vita – dei pazienti7-9. Di conseguenza, pazienti e medici sono sempre più alla ricerca di trattamenti che dimostrino un’efficacia duratura, a fronte di un profilo di sicurezza favorevole2,4,10. Il secukinumab fornisce un trattamento duraturo e completo, attraverso l’inibizione mirata di IL-17A, un’importante citochina coinvolta nello sviluppo della spondiloartrite e delle malattie psoriasiche11-14.

“I dati a cinque anni sono spesso considerati un benchmark per la dimostrazione di efficacia e sicurezza a lungo termine”, ha dichiarato Eric Hughes, Global Development Unit Head della divisione Immunologia, Epatologia e Dermatologia. “Aggiungendo i dati a cinque anni nell’artrite psoriasica e nella spondilite anchilosante a quelli, sempre a cinque anni, già riportati nella psoriasi, siamo in grado di consolidare il robusto profilo del secukinumab e di ridisegnare lo standard terapeutico per i pazienti che cercano un trattamento completo per la spondiloartrite e la malattia psoriasica”.

Lo studio FUTURE 1

FUTURE 1 è uno studio registrativo di fase III di due anni, multicentrico, randomizzato, controllato con placebo e condotto per valutare l’efficacia del secukinumab nei pazienti con artrite psoriasica attiva10. FUTURE 1 ha arruolato 606 pazienti con artrite psoriasica attiva e ha valutato il secukinumab con dosaggio di carico per via endovenosa (10 mg/kg) e con dosaggio di mantenimento per via sottocutanea (75 mg e 150 mg)10. L’endpoint primario ha valutato la superiorità del secukinumab rispetto al placebo nella percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta ACR 20 alla settimana 2410. Dalla settimana 16, i pazienti nel braccio placebo sono stati nuovamente randomizzati a ricevere il secukinumab 75 mg o 150 mg o alla settimana 16 o alla 24, in base alla risposta clinica10.

460 pazienti in totale hanno partecipato a un periodo di estensione di tre anni successivo allo studio iniziale di due anni1. Oltre l’80% dei pazienti che vi hanno preso parte ha completato i cinque anni di trattamento con il secukinumab1. Il secukinumab ha fornito fino a cinque anni miglioramenti costanti dei segni e dei sintomi di artrite psoriasica – ivi inclusa la risoluzione totale di entesite e dattilite – rispettivamente nell’83 e nel 94% dei pazienti1. L’efficacia è migliorata in modo proporzionale all’aumento graduale della dose del secukinumab a 150 mg o 300 mg nel corso dello studio1. Il profilo di sicurezza del secukinumab si è dimostrato coerente con quello osservato in precedenza nelle sperimentazioni cliniche su indicazioni multiple4-6.

Lo studio MEASURE 1

MEASURE 1 è uno studio di fase III di due anni, multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, che ha valutato l’efficacia e la sicurezza del secukinumab in pazienti con spondilite anchilosante attiva15. Gli endpoint primari hanno valutato la superiorità del secukinumab rispetto al placebo alla settimana 16 in pazienti che hanno ottenuto un miglioramento di almeno il 20% nella risposta ASAS 20 (valutazione dei criteri di risposta della Spondyloarthritis International Society)16. Dalla settimana 16, i pazienti nel braccio placebo sono stati nuovamente randomizzati al secukinumab 75 mg o 150 mg, in base alla risposta ASAS 20, con i non responder ri-randomizzati alla settimana 16 e i responder alla settimana 246,15.

290 pazienti su 371 hanno completato lo studio, dopo di che 274 pazienti sono entrati in un periodo di estensione di tre anni2,6,15. Oltre l’80% dei pazienti che hanno partecipato alla fase di estensione dello studio ha completato i cinque anni di trattamento con il secukinumab2. Il 56% dei pazienti trattati con il secukinumab 75 mg ha continuato con il secukinumab 150 mg dopo la settimana 1682. I miglioramenti nelle risposte ASAS 20 e ASAS 40 sono stati mantenuti fino a cinque anni in tutti i bracci di dosaggio2. Nel braccio di aumento della dose, le risposte ASAS 20 sono migliorate dal 74% del secukinumab 75 mg all’82% del secukinumab 150 mg dopo 72 settimane2. Il profilo di sicurezza del secukinumab si è dimostrato coerente con quello osservato in precedenza nelle sperimentazioni cliniche su indicazioni multiple4-6.

Secukinumab

Il secukinumab è il primo trattamento interamente umano che inibisce specificamente l’IL-17A, un’importante citochina coinvolta nell’infiammazione e nello sviluppo di spondilite anchilosante, artrite psoriasica e psoriasi10-13. L’IL-17A viene prodotta da diverse cellule sia del sistema immunitario innato (che può essere innescato da stress meccanico) sia del sistema immunitario adattativo17. A oggi, il secukinumab è stato prescritto a oltre 160.000 pazienti in tutto il mondo18 ed è in corso di valutazione in 100 studi, ivi incluso un esaustivo programma di prove cliniche testa-a-testa19-25.

Riferimenti bibliografici

  1. Mease PJ et al. Secukinumab Provides Sustained Improvements in the Signs and Symptoms in Psoriatic Arthritis: Final 5 Year Efficacy and Safety Results from a Phase 3 Trial. Abstract presented at the American College of Rheumatology Annual Meeting, 2018.
  2. Baraliakos X et al. Long-term Evaluation of Secukinumab in Ankylosing Spondylitis: 5 Year Efficacy and Safety Results from a Phase 3 Trial. Presented as a late-breaking abstract at the American College of Rheumatology Annual Meeting, 2018.
  3. Novartis, data on file. IQVIA NBRx Data August 2018 and SHS PTD (Patient Transactional data) from August 2018. August 2018.
  4. Bissonnette R. et al. Secukinumab Demonstrates High Sustained Efficacy and a Favorable Safety Profile in Patients with Moderate to Severe Psoriasis through 5 Years of Treatment (SCULPTURE Extension Study). J Eur Acad Dermatol Venereol. 2018; 32(9):1507-1514.
  5. Mease PJ et al. Secukinumab Provides Sustained Improvements in the Signs and Symptoms of Active Psoriatic Arthritis through 3 Years: Efficacy and Safety Results from a Phase 3 Trial. Presented at the American College of Rheumatology 2016. Presentation number 961.
  6. Braun J et al. Secukinumab demonstrates low radiographic progression and sustained efficacy through 4 years in patients with active ankylosing spondylitis. Late breaking abstract presented at the 2017 ACR/ARHP Annual Meeting, San Diego, USA. 7th November 2017.
  7. Mease PJ et al. Managing patients with psoriatic disease: the diagnosis and pharmacologic treatment of psoriatic arthritis in patients with psoriasis. Drugs 2014;74:423-41.
  8. Reveille JD. American College of Rheumatology. Spondyloarthritis. Available at: https://www.rheumatology.org/I-Am-A/Patient-Caregiver/Diseases-Conditions/Spondyloarthritis. Accessed October 2018.
  9. Sieper J et al. Ankylosing spondylitis: an overview. Ann Rheum Dis 2002; 61 (Suppl III):iii8?iii18.
  10. Mease PJ et al. Secukinumab inhibition of interleukin-17A in patients with psoriatic arthritis. N Engl J Med. 2015; 373(14):1329-39.
  11. EU Cosentyx Summary of Product Characteristics. Novartis Europharm Limited. Available at: http://www.ema.europa.eu/ema/index.jsp?curl=pages/medicines/human/medicines/003729/human_med_001832.jsp&mid=WC0b01ac058001d124. Last accessed September 2018.
  12. Smith JA et al. Review: The Interleukin 23/Interleukin 17 Axis in Spondyloarthritis Pathogenesis: Th17 and Beyond. Arthritis Rheumatol. 2014;66:231–41.
  13. Nestle FO et al. Mechanisms of disease psoriasis. N Eng J Med. 2009;361:496–509.
  14. Girolomoni G et al. Psoriasis: rationale for targeting interleukin-17. Br J Dermatol. 2012;167:717–24.
  15. Braun J et al. Effect of secukinumab on clinical and radiographic outcomes in ankylosing spondylitis: 2-year results from the randomised phase III MEASURE 1 study. Ann Rheum Dis. 2016;doi: 10.1136/annrheumdis-2016-209730.
  16. Baeten D et al. Secukinumab, interleukin-17A inhibition in ankylosing spondylitis. N Engl J Med. 2015; 373:2534–48.
  17. Schett G et al. Enthesitis: from pathophysiology to treatment. Nat Rev Rheumatol. 2017: 21;3(12):731-741.
  18. Novartis, data on file.
  19. gov. (2018). Search of: secukinumab | Recruiting, Not yet recruiting, Active, not recruiting, Completed, Enrolling by invitation Studies – List Results – ClinicalTrials.gov. [online] Available at: https://clinicaltrials.gov/ct2/results?term=secukinumab&Search=Apply&recrs=b&recrs=a&recrs=f&recrs=d&recrs=e&age_v=&gndr=&type=&rslt= [Accessed 09 Oct. 2018].
  20. Comparison of Secukinumab Versus Guselkumab in Clearing Psoriatic Plaques Refractory to Ustekinumab (ARROW). Available at https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03553823. Last accessed October 2018.
  21. Langley RG et al. Secukinumab in Plaque Psoriasis — Results of Two Phase 3 Trials. N Engl J Med 2014;371:32w6-38.
  22. Blauvelt A et al. Secukinumab is superior to ustekinumab in clearing skin of subjects with moderate-to-severe plaque psoriasis up to 1 year: Results from the CLEAR study. J Am Acad Dermatol. 2017 Jan;76(1):60-69.
  23. Bagel J et al. Secukinumab is Superior to Ustekinumab in Clearing Skin of Patients with Moderate to Severe Plaque Psoriasis: CLARITY, a Randomized, Controlled, Phase 3b Trial. Presented as poster 98 at The Winter Clinical Dermatology Conference – Hawaii. January 13, 2018.
  24. Effect of Secukinumab on Radiographic Progression in Ankylosing Spondylitis as compared to GP2017 (Adalimumab Biosimilar) (SURPASS). Available at: https://www.clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03259074. Last accessed October 2018.
  25. Efficacy of Secukinumab Compared to Adalimumab in Patients With Psoriatic Arthritis (EXCEED 1). Available at: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02745080. Last accessed October 2018.