Ecco Anne McClain, la prossima astronauta americana a volare su un razzo Soyuz: “Sarei salita a bordo anche il giorno dopo l’incidente”

MeteoWeb

Un’astronauta americana ha dichiarato che non ha avuto dubbi nell’accettare di salire a bordo di un razzo russo il prossimo mese nonostante gli incidenti che si sono verificati uno dopo l’altro. Il tenente colonnello Anne McClain ha dichiarato che il volo spaziale non è mai sicuro al 100% e che è una coincidenza se le ultime due missioni Soyuz verso la Stazione Spaziale Internazionale abbiano avuto dei problemi.

Lo scorso mese, gli astronauti Ovchinin e Hague sono stati costretti ad un atterraggio d’emergenza in Kazakistan dopo il fallimento del lancio. Un mese prima, una perdita di pressione all’avamposto spaziale è stata ricondotta ad un buco misteriosamente perforato in una capsula Soyuz agganciata. Gli investigatori russi stanno ancora lavorando per comprendere come un sensore del razzo si sia deformato durante la produzione e come si sia aperto il foro nella Soyuz.

anne mcclain nasa soyuzIl primo volo spaziale di McClain è previsto per il 3 dicembre, insieme ad un astronauta russo e uno canadese. Trascorreranno 6 mesi a bordo del laboratorio in orbita. La 39enne pilota di elicottero, che ha un figlio, dichiara che la sua famiglia è abituata al suo lavoro rischioso dal momento che ha volato in missioni militari. “La parte più dura di tutto questo è stare lontani dai figli. Quello che spero di insegnare a tutti i bambini che in qualche modo puntano a questo è che per raggiungere qualcosa, servono molti sacrifici”, ha detto. Il suo sogno di diventare astronauta risale ai tempi prima della scuola a Spokane, Washington. La NASA l’ha scelta nel 2013.

Per McClain l’incidente di lancio dell’11 ottobre è la “storia di un successo”, considerato che il sistema di sicurezza ha funzionato e ha salvato le vite dei suoi amici. Lei era a Houston, a guadare il volo da casa e ad ascoltare le comunicazioni radio degli astronauti. “L’equipaggio è stato fortunato. Ma ogni equipaggio che raggiunge l’orbita lo è. Il volo spaziale non è facile”, ha aggiunto. A Ovchinin e Hague sarà data un’altra possibilità di volare, forse il prossimo anno, ma McClain non è sicura se arriveranno prima della fine della sua missione a giugno.

incidente capsula soyuzDal giorno dell’incidente, 3 razzi Soyuz che trasportavano satelliti sono stati lanciati con successo. Un altro volo Soyuz, questa volta con rifornimenti per la stazione spaziale, è previsto prima del lancio di McClain. Il razzo che userà McClain è stato analizzato per rilevare qualsiasi deformità. Ma lei è così sicura del razzo e della sua pluridecennale storia di successi che sarebbe salita a bordo della Soyuz già il giorno dopo l’incidente. Il fallimento della missione è stato il primo in 35 anni per il programma di volo umano spaziale della Russia e solo il terzo di sempre. Il volo di McClain, del canadese David Saint-Jacques e del russo Oleg Kononenko è stato anticipato di qualche settimana per consentire ai nuovi arrivati di trascorrere del tempo con gli attuali 3 inquilini della stazione spaziale, un americano, un tedesco e un russo di ritorno sulla Terra il 20 dicembre. I due astronauti russi pianificano una passeggiata spaziale in quei giorni per esaminare dall’esterno il foro della Soyuz, richiuso con una toppa improvvisata.