Record di balenottere avvistate tra Italia e Francia: venti in un solo giorno, si valuta il rischio collisione con le navi

Sono più di venti le balenottere avvistate in un solo giorno lungo la tratta Nizza-Bastia e 4 durante un viaggio di monitoraggio sulla tratta Savona-Bastia. Sono curiosi e da record i risultati ottenuti durante la dodicesima stagione di monitoraggio cetacei dalle navi della Corsica Sardinia Ferries. Le balenottere sono state avvistate più che altro a coppie. “Il dato è sorprendente perché questi avvistamenti sono stati fatti tra fine settembre e metà ottobre, un periodo in cui solitamente veniva registrato un calo di presenze, ma quest’anno le condizioni meteo favorevoli hanno prolungato la stagione di avvistamenti”. La campagna viene è promossa dalla Fondazione Cima.

A partire da novembre, sarà poi avviata una campagna di monitoraggio invernale, nell’ambito del progetto Sicomar Plus che si occupa di sicurezza della navigazione. Lo scopo è quello di realizzare una mappatura del rischio di collisioni per balenottere e capodogli con le navi che transitano nel Santuario Pelagos, l’area marina di 87.500 km quadrati tra Francia, Liguria, Toscana, Corsica e nord della Sardegna. I dati raccolti da novembre a marzo serviranno a produrre le mappature anche per le stagioni invernali e ad aumentare le conoscenze sull’ecologia e sugli spostamenti di questi animali.