Clima: studio, rischio impennata di pericoli legati ai cambiamenti entro il 2100

MeteoWeb

Inondazioni, ondate di calore, incendi, bombe d’acqua, tempeste di neve. Le popolazioni di tutto il mondo potrebbero trovarsi ad affrontare da tre a sei sconvolgimenti climatici contemporanei entro il 2100, se le emissioni di gas serra non verranno ridotte in maniera aggressiva. Lo suggerisce uno studio pubblicato su ‘Nature Climate Change‘. L’impatto dei pericoli climatici sull’uomo è vario, ma finora le analisi si sono focalizzate su singole insidie e potrebbero sottovalutare l’effetto reale dei cambiamenti climatici sugli esseri umani.
Ora il team di Camillo Mora dell’Università delle Hawaii (Usa) ha riesaminato sistematicamente 3.280 articoli, catalogando 467 interazioni tra 10 rischi climatici (come riscaldamento, inondazioni, siccità, ondate di calore e incendi) e sei aspetti della società umana (fra cui salute, cibo e acqua). Sebbene gli autori abbiano trovato alcuni esempi di effetti positivi o neutri, la stragrande maggioranza degli impatti climatici è dannosa per l’umanità.
Gli autori hanno quindi mappato i cambiamenti climatici (e gli effetti traumatici) previsti in relazione a diversi scenari di emissione dei gas serra, e hanno valutato fino a che punto le popolazioni si troveranno ad affrontare i rischi climatici entro la fine del secolo. Scoprendo così che, se le emissioni di gas serra verranno ridotte in modo aggressivo, le popolazioni del mondo potrebbero essere esposte a un’insidia climatica alla volta. Ma se le emissioni continueranno senza sosta, c’è il serio pericolo di trovarsi ad affrontare almeno tre rischi climatici contemporaneamente, dalle inondazioni alle bombe d’acqua, e fino a sei in alcune regioni costiere.
Gli autori concludono che il numero di pericoli climatici contemporanei, che potrebbero colpire pesantemente il pianeta, mette in luce l’urgenza di ridurre le emissioni di gas serra.