FAO: Primo Simposio sull’innovazione agricola per i coltivatori a livello familiare

La FAO ospiterà il primo Simposio internazionale sull’innovazione agricola per i coltivatori a livello familiare (21-23 novembre 2018). Il messaggio chiave di questo simposio è che occorre accelerare il ritmo dell’innovazione in agricoltura per superare le sfide del 21° secolo. Il simposio si concluderà con un segmento ministeriale ad alto livello.
Si prevede che per il 2030 la popolazione mondiale raggiungerà i 10 miliardi di persone e la produzione agricola dovrà aumentare considerevolmente per riuscire a sfamare tutti. La maggior parte di questo aumento dovrà provenire da agricoltori a livello familiare che gestiscono circa il 75% delle terre coltivate producendo oltre l’80% del cibo mondiale – ma che sono spesso poveri e con problemi d’insicurezza alimentare essi stessi. L’innovazione è la forza trainante che può trasformare i sistemi alimentari e sollevare i piccoli agricoltori dalla povertà e aiutare a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile.
Il Simposio metterà in evidenza le storie di successo dell’innovazione agricola e fungerà da catalizzatore per promuovere nuove partnership e investimenti. Più di 500 persone, tra cui rappresentanti di governi, di organizzazioni di agricoltori, di istituzioni accademiche e di ricerca, della società civile e del settore privato, si uniranno per scoprire cosa genera un’innovazione di successo e le opportunità di aumentare l’innovazione agricola tra i piccoli agricoltori.
Una fiera mostrerà storie di successo dell’innovazione agricola in tutto il mondo. Ci sarà anche una sessione con rinomati chef e con agricoltori e un evento di giovani innovatori tra cui i vincitori del concorso #HackAgainstHunger.
I media sono invitati a partecipare agli eventi del simposio. Le sessioni saranno anche trasmesse via webcast in diverse lingue.