Guatemala, eruzione del Volcan de Fuego: attività “in aumento”, 4mila persone in fuga

Prosegue, ed è “in aumento” la nuova fase eruttiva del Volcan de Fuego, cominciata ieri in Guatemala, accompagnata da una continua attività sismica: lo ha reso noto oggi l’Istituto di Sismologia, vulcanologia, Meteorologia e Idrologia, secondo cui si è prodotta una colonna di fumo e ceneri che ha raggiunto i 5mila metri sul livello del mare, un flusso di lava di 2,5 km, ed esplosioni passate da moderate a forti che hanno prodotto valanghe attorno al cratere.
Il Coordinamento nazionale per la riduzione dei disastri ha cominciato a predisporre l’evacuazione 4mila persone residenti in alcuni villaggi vicini (Sangre de Cristo, San Pedro Yepocapa, Chimaltenango), in particolare sul fianco sud-orientale.
Dal 1999 il Volcan de Fuego ha generato 76 fenomeni eruttivi, il più importante dei quali lo scorso 3 giugno, quando una valanga di materiale incandescente ha distrutto il villaggio di San Miguel Los Lotes, provocando 194 morti.